Ballabio, esiste un addetto all’esposizione delle bandiere

di REDAZIONE

Noi la buttiamo sul ridere, ma una pagina come quella pubblicata in questi giorni sull’albo pretorio del Comune di Ballabio fa riflettere. Beninteso, è una vicenda grottesca ma “universale” (almeno per l’Italia) e dunque non è riferita al singolo ente locale. Leggere per credere…

La premessa necessaria è che l’atto presente in questa pagina, estratto appunto dal sito web del Comune di Ballabio, probabilmente sarà roba ordinaria per chi si occupa di burocrazia. Ovvero, potremmo rinvenirne di simili anche in altri Albi pretorii; quindi l’oggetto della critica non è tanto o solo questa amministrazione comunale bensì la logica (che a noi appare comunque perversa) secondo la quale, per dire a un vigile che deve occuparsi delle bandiere esposte fuori dal municipio, bisogna trascrivere un intero decreto – con tanto di firma del sindaco e accettazione da parte dell’agente di Polizia Locale.

La qual cosa, immaginiamo, avrà comportato come minimo la stesura e registrazione da parte di un ufficio (Segreteria), visione e sottoscrizione del primo cittadino, notifica (l’avrà fatta l’altro vigile?), firma per ricevuta nonchè l’opera di qualcuno che avrà pubblicato l’avviso sull’Albo…

D’altra parte, “Scopo della burocrazia è di condurre gli affari dello Stato nella peggior possibile maniera e nel più lungo tempo possibile“. Lo scriveva Carlo Dossi, scrittore, archeologo, segretario particolare di Crispi e governatore dell’Eritrea. Forse però l’aforisma migliore in materia è quello attribuito a Honorè De Balzac, il quale disse che “La burocrazia è un meccanismo gigante mosso da pigmei“.

A voi il formidabil “Decreto di nomina ecc ecc.”. Datato 2 gennaio, pubblicato tra agosto e settembre.

PER VEDERE IL DECRETO CLICCA SUL QUOTIDIANO VALSASSINANEWS: CLICCA QUI

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Diego Tagliabue says:

    Föra l’ItaGlia da la Lombardia!

  2. legn de Balìs says:

    L’esposizione delle bandiere sugli edificio pubblici è regolamentata perché sarebbe ovviamente ridicola la totale anarchia: uno sì, uno no, uno un po’ …a piacere !

    Questo deve valere anche per le “Bandiere di Libertà”. come direbbe Oneto !

    Non capisco cosa ci sia di grottesco: un servizio rilevante viene ufficialmente assegnato ad un agente di polizia giudiziaria che ne diventa responsabile.

    Forse che domani, ad esempio, in un Veneto indipendente, il vessillo col Leone di S.Marco verrebbe issato su palazzo Balbi dal primo scoasèr che passa all’alba ?

    Oppure tutti i giorni si dovrebbe fare la conta tra gli impiegati ?

    • sandro says:

      Non ha capito il senso: certo che il servizio va assegnato (lo era già prima, se legge il decreto). Il punto non è quello; il punto è che per trasferire questa competenza debbano lavorare (minimo) in sei, anziché liquidare la cosa con una semplice frase del tipo “Mario, d’ora in avanti fai tu”.
      Questo è un Comune di 4mila abitanti, con una dozzina di dipendenti e soprattutto DUE vigili DUE. Ma si devono mettere in sei a fare un DECRETO per una roba così? Se si deve fare in questo modo, è grotetsco sì. E anche di più, caro signore.
      S.T.

Leave a Comment