Bahamas, 40 anni d’indipendenza di un paradiso fiscale

di ALTRE FONTI

Il 10 luglio 1973 le Bahamas diventavano ufficialmente una nazione sovrana. Oggi vengono celebrati i quarant’anni di indipendenza. Eccovi nove cose che non troverete scritte nei volantini informativi dei villaggi turistici presenti nel paese (e che probabilmente non vi servirà sapere se volete andarci in vacanza o a portare i vostri soldi).

1) Le Bahamas fanno parte del Commonwealth britannico. Pur ottenendo l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1973, scelsero di tenere la regina Elisabetta II come loro monarca.

2) Prima di diventare una colonia britannica, durante il diciottesimo e il diciannovesimo secolo, le Bahamas furono un covo per i pirati. Su una delle 700 isole che compongono il paese ci trovò rifugio anche il famoso Barbanera.

3) Padre della nazione è considerato Sir Lynden Oscar Pindling, primo a ricoprire la carica di primo ministro del paese e mantenuta fino al 1992, anno della sua morte.

4) Il paese è caratterizzato da un sistema bipartitico, con il Partito progressivo liberale (in cui militava Sir Pindling)  che ha dominato la scena politica per lunghi anni ai danni del Movimento di libertà nazionale, partito di centro destra.

5) Le Bahamas sono uno dei più ricchi paesi delle americhe. La loro economia è basata essenzialmente sul turismo e sui servizi finanziari, interni e off-shore, diventando un vero e proprio paradiso fiscale.

6) Oggi il paese resta comunque un’importante centro per il traffico internazionale di stupefacenti, anche se rispetto agli anni ’80 la quantità di cocaina e marijiuna che transita nella regione è fortemente diminuita

7) Il termine Bahamas deriva dallo spagnolo baja mar (mare basso).

8- Le Bahamas hanno buoni rapporti commerciali con Stati Uniti, Canada e Unione europea ma non fanno parte dell’Organizzazione mondiale del commercio.

9) Una delle priorità dell’agenda governativa è il controllo della immigrazione clandestina, proveniente principalmente da Haiti e Cuba. I clandestini nel paese  rappresenterebbero tra il dieci e l’undici per cento della popolazione totale.

FONTE ORIGINALE: http://www.meridianionline.org

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Raoul says:

    Un vero paradiso di libertà !

Leave a Comment