VERONA: ECCO LA SENTENZA CHE HA RILANCIATO LA BADII

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il consiglio di Stato ha accolto il ricorso degli indipendentisti veneti veronesi promosso dalla candidata sindaco Badii Patrizia e dal coordinatore cittadino Giacomo Mirto contro un gruppo di persone che avevano illegalmente presentato una lista, con il simbolo di Veneto Stato, a discapito e contro i soci che da oltre due anni lavorano nel veronese.
 Il team legale si è recato martedì scorso davanti al “Consiglio di stato” per motivare il ricorso.

Ora in maniera definitiva, vista l’assenza di ulteriori ricorsi possibili, è ufficiale: sarà Patrizia Badii la candidata indipendentista a Verona per Veneto Stato.
La sentenza conferma inoltre in maniera definitiva che la rappresentanza legale del partito e del simbolo è di Antonio Guadagnini e non di Lodovico Pizzati, già espulso e a capo di un gruppuscolo di dissidenti interni.

La Badii esulta: “Lo dovevamo ai soci che sotto l’acqua, al freddo e rinunciando agli affetti personali hanno per due anni fatto gazebi e organizzato manifestazioni sul territorio. Specifichiamo inoltre che non abbiamo alcuna intenzione di chiedere il rinvio delle elezioni, come la legge ci permetterebbe, in quanto non vogliamo che a causa delle azioni deliranti di un singolo individuo, tutti i veronesi siano costretti a subirne le conseguenze”.

“L’assalto dei politicanti mandati a intralciare il cammino indipendentista è stato respinto”, commenta inoltre vittorioso Giacomo Mirto, “Veneto Stato è in primis di noi soci che abbiamo delegato la rappresentanza legale a Chiavegato e Guadagnini. Con questa sentenza si pone la parola fine alle diatribe che da mesi rallentano il processo indipendentista realizzate da chi indipendentista proprio non è”.

Ufficio Stampa Veneto Stato

SENTENZA BADII CONSIGLIO DI STATO

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

24 Comments

  1. floriano says:

    GRANDE LUCIO AVANTI TUTTA,
    A ROVIGO A GAVEMO BRINDA’ DE CONTENTEZA!!!

    WSM SEMPRE

  2. MARIA MARINI says:

    XE ORA CHE LA XENTE A VERZA I OCCI ,PER 6 MESI LA BANDA B.P.B I GA IMBROIA’ XENTE CHE NO SAVEA LA REALTA’ … ORA GHE XE LA RESA DEI CONTI!!!

    MARIA MARINI

  3. Dario Kaiserfrez says:

    “italo-leghisti (e udiccini) di Guadagnini e Badii” ???

    ocio ae rode… che e poe anca sbusarse 😀

    http://www.vallesabbianews.it/files/magazine/img/1109rotary_logo.jpg

  4. barbara says:

    Grazie alla badi invece che ha gli attributi, si é avuta chiarezza di come sono andate veramente le cose e non doveva per forza essere quaglia o crisvi di parte a decidere il segretario visto che si son svolte elezioni regolari e la legge ha dovuto scriverlo nero su bianco per farlo capire a Pizzati & co. bastava umiltà!e tutti potevano lavorare dal proprio posto. Anche il nome pietro caldiera é ormai sputtanato e la sua “testa” di c. ..o fondi un altro partito di c…o buono per intellettuali massonici del c…o! Sicuramente non saretf in pochi perché ci sono tante teste di c…o! Auguri

    • Pietro Caldiera says:

      Da come scrive si capisce che lei, Barbara, e’ una vera signora capace di grande profondita’ di pensiero. Profondita’ di pensiero che, d’altra parte, caratterizza i sui compagni di merende. Non tema, i veronesi sapranno riconoscere i Chiavegato, Badii e Mirto per quello che realmente sono.

      • kan says:

        dei buoni a nulla

        • Perché la Signorina so tutto io di Casale sul Sile, non sbraita ? Con quei tailleur da funerale e i suoi corsi da setta protestante ? Siamo obbiettivi !! Potrebbe trovare lavoro da SCIENTOLOGY !! O su qualche corso motivazionale alla Luciani di Telecom ….Waterloo/ Napoleone.

          Quello che realmente sono, certe persone e personaggi…. che si sono infiltrati a Verona: ” Opportunisti !!”

          Potevano rimanere nelle loro rispettive aree, perché sono venuti a rompere le scatole a Verona ? Con un candidato fantoccio ? Che tutto può essere tranne indipendentista !!

          Chi ha convalidato le firme raccolte per il pandorino ? PD o PDL ? Ma voi che parlate, SAPETE come si raccolgono le firme per mandare su le liste ?

          Prima di parlare informatevi, ciarlatani della politica !! Vi pisciano in testa, e vi dicono che piove !!

  5. maria says:

    seriamente, nemmeno se fossi parente della badii le darei il mio voto.

    semplicemente una candidata improponibile, sbraita e si dimena ma proposte intelligenti da quella bocca mai sentite uscirne

    • mr1981 says:

      Concordo pienamente, non si è imparato niente a proporre candidati che non hanno radici in questo caso in Veneto? Patrizia Badii è toscana di Scandicci (FI) e mi sembra anche che se ne vanta… Come fa a lanciare la sfida «Vogliamo il Veneto indipendente e bisogna cambiare lo Statuto, con un referendum»? Mi ricorda troppo Rosi Mauro…

      • Gino says:

        Un candidato veronese per Verona no vero?
        E questi sarebbero gli indipendentisti…

      • Beh , se ti può consolare l’attuale segretario della Lega in Toscana è di Padova (tra l’altro con la sua poltronona nel cda all’ansaldo nucleare di genova)… Il candidato a Firenze della Lega è tale Bussolin di chiare ascendenze venete (ma gira voce che non riusciranno a raccogliere le firme ).
        Gli altri candidati sono Dario Nardella , PD, di Torre del Greco , il cocco di Renzi. Miriam Amato,M5S, di Catanzaro. Stella , FI, in rappresentanza della Sicilia. Come vedi siamo messi peggio.
        Cosa dici? La Lega non è un partito indipendentista, anzi? Hai ragione anche te….

    • MARIA MARINI says:

      PRECISO CHE LA MARIA SOPRA NON SONO IO ,CHI SCRIVE METTA NOME E COGNOME PER NON FARE IMBROGLI O CONFUSIONE! IO SONO MARIA MARINI!!!!! LUNGI DA ME PERSONE CHE SCRIVONO CAZZATE USANDO UN NOME CHE SI PUò FRAINTENDERE.

      MARIA MARINI

      • MARIA MARINI says:

        aggiungo che la maria che si è permessa di offendere chi lavora come la Patrizia Badii, è solamente una persona stupida e ignorante in quanto le sue critiche sono degne della persona che dimostra di essere: OCA!!!
        Non aggiungo altro!!!!

        Maria Marini.

  6. Ivano says:

    Converrete che sia curioso il fatto che è il consiglio di stato italiano che ha fatto giustizia.

  7. Pietro Caldiera says:

    Come ho gia’ scritto, il marchio Veneto Stato e’ ormai “sputtanato”. Pizzati, Morosin e Co. rifondino il movimento indipendentista veneto assieme a veneti di fede indipendentista e di “testa” non leghista. Abbiano cura di NON ricoprire cariche primarie nel nuovo movimento, ma ne siano i frontmen. La diversita’ – in termini di sostanza e strategia – dagli italo-leghisti (e udiccini) di Guadagnini e Badii (che il vino non si fa con le patate) emergera’ ben presto.
    W San Marco!

    • Lucio Chiavegato says:

      sputannato da chi?
      Sicuramente da chi per mesi si è professato segretario e non lo era, da chi ha fatto tessere e non poteva e da chi ha raccolto soldi indebitamente.

      Pagheranno.

      Poro Pietro, te gavarè de le sorprese sui tuoi falsi idoli….
      Hai ragione la diversità tra noi e loro è che noi rispettiamo le regole.
      La lista farlocca autorizzata da Pizzati a Verona è tutto tranne che una lista di Verona. Un candidato che non si sa chi sia, un mese di tesseramento basta per essere candidato sindaco di un partito indipendentista?
      Candidati di altre province che non sanno nulla di Verona e dulcis in fondo….aspetta e presto avrai sorprese.

      PS WSM e te auguro tanta felicità con le tue belle idee.

  8. Ottimo e adesso fuori i bilanci di tutti gli ex-Veneto Stato, aziende satelliti e persone che hanno guadagnato speculando sopra l’indipendentismo !!

    La resa dei conti è vicina …. pagare !!

Leave a Comment