Un’azienda su tre che chiude è in Agricoltura

di ALTRE FONTI

Quasi un’impresa ogni tre che hanno chiuso i battenti nel primo trimestre 2013 (30%) appartiene al settore agricolo, il piu’ colpito dai fallimenti. Lo rileva la Coldiretti in base ai dati Unioncamere-Movimprese.

Il saldo tra nuove iscrizioni e chiusure e’ negativo per ben 13.106 unita’. Seguono, per numero di saracinesche abbassate, le costruzioni (-12.507 unita’) e il commercio (-9151 unita’). A pregiudicare l’esistenza di tante aziende agricole ha contribuito, secondo la Coldiretti, il forte calo del valore aggiunto agricolo nel 2012 (-4,4%) e la stretta creditizia in atto.

Il credito agrario erogato alle aziende agricole ha subito un taglio del 22% nel 2012 con il valore delle erogazione (2,1 miliardi) sceso al livello piu’ basso dal 2008, secondo le elaborazioni dell’associazione agricola su dati Ismea.

FONTE ORIGINALE: ANSA.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Albert Nextein says:

    Ma se venissero eliminate tutte le sovvenzioni e le facilitazioni pubbliche all’agricoltura, europee ed italiane, i contadini chiudono tutti bottega?
    Se queste attività sono tanto aiutate , non significa che da sole non ce la fanno e che quindi pesano su altri?

    Mi sono sempre chiesto perché gli agricoltori debbano esser sostenuti e ,ad esempio , i fornaciai no.

    Secondo me gli agricoltori devono arrangiarsi, tutti.
    Chi è efficiente , creativo, bravo , va avanti.
    Gli altri chiudono.
    Senza aiuti di nessun genere, tutti alla pari.

    • gabriele laurenzi says:

      sono un dipendente in una az. agricola e sono d’accordo con lei, con tutte le prudenze del caso. Un mercato drogato non può che alla lunga essere deleterio per tutti. Vedesi la triste faccenda degli incentivi all’energia “verde”,etc.

  2. Dan says:

    Montagne di burocrazia, contratti capestro che impongono pagamenti dilazionati a data da destinarsi, tasse a non finire. Molto meglio coltivarsi il fazzoletto di terra per continuare a vivere e lasciare il resto a maggese, la frutta e la verdura a marcire.

Leave a Comment