Avete dimenticato quando Grillo chiedeva: un piano Marshall per l’Africa o ne arrivano 200 milioni…

di REDAZIONEbeppe_grillo-650x486

Grillo ha fatto notizia in questi giorni per aver alzato la voce e chiesto di rimandare indietro i migranti che sbarcano incessantemente senza avere titolo di restare a casa nostra. Ma non è la prima volta che accade.

Sfogliate un po’ la cronaca politica e scoprirete che il padre dei 5Stelle non cade dalle nuvole. “La migrazione biblica in corso non la fermeranno i carri armati, ne’ i fili spinati o l’affondamento dei barconi. E’ obbligatorio dare a queste persone delle migliori opportunita’ di vita nelle loro nazioni con investimenti mirati (sanita’, infrastrutture, delocalizzazione di aziende produttive) con un nuovo Piano Marshall che potremmo attualizzare in “Piano Merkel” finanziato con una quota dei Pil nazionali da destinare all’Africa con una commissione di controllo”. Lo scriveva il blog di Beppe Grillo nell’estate del 2015.

“Senza azioni coraggiose, nuove e di lungo termine si rischia la catastrofe con 200 milioni di arrivi nei prossimi anni (fonte CdS) – si leggeva sul blog – Questa migrazione non e’ arrivata all’improvviso. La Ue e i vari governi nazionali sembrano sempre cadere dal pero e strumentalizzano la situazione come se loro non fossero la causa prima del problema. Non si e’ udita una sola voce di condanna delle cause, ne’ una strategia di lungo termine per integrare queste persone in una Europa devastata dalla disoccupazione. Vogliamo creare immensi ghetti e banlieue? Al di la’ di una carita’ pelosa non si va, ignorando che su questa strada gli europei rottameranno gli attuali partiti e faranno risorgere movimenti neonazisti. Ora si mette in discussione il regolamento di Dublino (che impone al profugo la permanenza nel Paese di arrivo), solo ora si chiede di accelerare le procedure di riconoscimento dei profughi (in Italia grazie all’incapacita’ di Alfano sono di circa due anni). Misure che il M5S ha chiesto da tempo venendo sbeffeggiato o ignorato o accusato di razzismo. Ma la Merkel e Hollande finora dove stavano? In un buco nero? Su Marte?”. “Altre azioni sono l’eliminazione della produzione di armi (l’Italia e’ la quinta produttrice mondiale) e la fine dell’ingerenza occidentale con missioni di pace e subordinazione totale agli interessi americani nel Mediterraneo e in Medio Oriente. Il flusso dei profughi da Afghanistan, Siria, Iraq e dalla Libia e’ figlio delle nostre guerre e delle nostre armi. E’ ora di farsi un’esame di coscienza”, concludeva il leader M5S.

 

Print Friendly

Recent Posts

2 Comments

  1. Castagno 12 says:

    Il Piano Marshall, “offerto” nel dopoguerra (la penultima) dagli USA all’italia, ha poi condizionato tutta la politica italiana.
    L’italia – quale contropartita – si è messa “AGLI ORDINI” dello Zio Sam.
    La proposta di Grillo non troverà applcazione perchè GLI USA NON SONO INTERESSATI A SALVARE GLI AFRICANI, MA A SOFFOCARE GLI EUROPEI.
    I giorni scorsi ho ricordato le dichiarazion di esponenti degli USA. riguardanti il loro intento: “RIDIMENSIONARE” (mettiamola così) l’Europa.
    E gl’italiani che protestano – A PAROLE – contro i danni del Sistema cosa fanno ?
    A S P E T T A N O !

    • Castagno 12 says:

      In questi anni gli USA hanno riservato, a buona parte dell’Africa, un trattamento destabilizzante che potesse garantire un massiccio esodo di popolazioni verso l’Europa: bombardamenti (vedi in Libia) – rivoluzioni – attentati- guerriglie.
      E Grillo che vuole che l’italia resti nell’Ue, suggerendo un Piano Marshall a favore dell’Africa, SAPEVA BENISSIMO DI FARE UNA PROPOSTA TOTALMENTE INUTILE.
      Nei fatti, GRILLO E’ SALDAMENTE INSERITO NEL SISTEMA.
      SI E’ ACCOMODATO !
      Grillo PRETENDE DI SALVARE L’ITALIA MANTENENDOLA NELLA GABBIA DELL’UE !
      Lo possiamo inserire, A PIENO TITOLO, NELLA LISTA DEI “POLITICI DI RAZZA” ITALIANI.

Leave a Comment