Aumentata la scorta a madame Kyenge: nessuno parli di gorilla!

di TONTOLO

Il numero delle guardie del corpo che accompagnano madama Kyenge nei suoi spostamenti è stato raddoppiato per ragioni di sicurezza. Uno dei nuovi agenti è nero: lo si vede spesso nei telegiornali e non è – assicurano al Ministero – uno dei suoi 38 fratelli. É un poliziotto di colore. Mi raccomando: che a nessuno venga in mente di chiamarlo “gorilla”!

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

10 Comments

  1. Maciknight says:

    Prossimi provvedimenti del governo Letta:
    – dividere le banane per calibro e lunghezza
    – imporre il porto di banana con test piscoattitudinale
    – perquisire tutti gli intelocutori ed avventori e denunciare i detentori per porto abusivo di banana
    . se la banana è troppo matura e sta fermentando la denuncia con aggravante è per porto di arma biologica
    . controllare agli ingressi nelle scuole i cestini delle merende e gli zainetti per evitare l’ingresso abusivo di banane in classe
    – altre ed eventuali che dovessero emergere dal servilismo
    neurodeficitario e paternalistico goliardico dei cortigiani
    Un leccaLetta per tutti a fine lavori parlamentari

  2. Antonino Trunfio says:

    non serve aumentare la scorta, serve assumere fruttivendoli per raccogliere : banane, noci, noci di cocco, castagne, mandorle, fichi secchi e patate che verranno lanciati addosso all’afriKana da ogni finestra o angolo di strada. Almeno potremo dire che la scorta è servit a ridurre gli sprechi alimentari e la congolese non avrà il problema di passare dall’orto mercato.

    • Miki says:

      Oooh Finalmente l’itaglia civile e accogli…ente butta la maschera. Dicetelo: a voi gli immigrati servono solo perchè fare da palo al vomito, pardon vomero (quartiere borbun), a 50 euro è considerato un lavoro sottopagato e avvilente. Mi salvo sul desktop il suo riverito post, così quando qualcuno dirà “Leghisti= ss”,spessatamente Oneto, non devo nemmeno far fatica a ritrovarlo!

    • Miki says:

      Vomito o catanìa portali vìa? Boh

  3. Gian says:

    a forza di insultare e provocare questo ministro lo stanno facendo diventare un simbolo. Fino ad ora non ha dimostrato di avere alcuna particolare capacità, ha fatto solo proposte deleterie e pericolose, ma sta diventando famosa e importante grazie agli imbecilli che la insultano e le tirano banane invece di entrare nel merito delle sue proposte assurde e di farle fare brutta figura, non per il colore della sua pelle, ma per le scemenze che propone.

  4. lory says:

    il senatore Bubbico del PD vuole cancellare la Bossi Fini e altro a favore dei clandestini,abbiamo una classe politica inutile e dannosa, l’unica speranza è quella di dividere l’Italia in tanti pezzettini.

  5. pippogigi says:

    Va bene allora nessun “gorilla”, “bodyguard” lo lasciamo a quelli che sapendo poco o nulla si riempono la bocca di parole straniere per sembrare sapienti.
    “Scorta”? la scorta è accompagnare qlcu. o qlco. a scopo di protezione, guida, sorveglianza. Dovrebbero essere gli italiani ad essere scortati per proteggersi dalla Kyenge.
    Rimane la manzoniana espressione “Bravo” che esplico dal dizionario “Uomo d’arme mercenario; nel Seicento, chi si metteva al servizio di un nobile perpetrando in suo nome, con garanzia di impunità, omicidi e soprusi”. La Kyenge non è nobile ma diciamo che insieme agli altri politici italiani si fa accompagnare da “”Bravi”.

  6. Liugi mobile says:

    Geniale questo titolo. Bravo Tontolo!

  7. Dan says:

    Sono solamente degli idioti.
    Il razzismo è una reazione che prende piede ogni qualvolta che gli abitanti autoctoni di un luogo percepiscono che la propria terra non solo non riesce più a sfamare loro ma, pure, si vedono costretti a dover dividere con degli esterni.
    Calderoli è un cretino ma intanto ha scoperchiato una pentola che sta bollendo sempre di più.
    Come Weimar, qui finisce come Weimar.
    Se questa crisi non viene risolta in fretta non sarà lontano il giorno in cui la ministra congolese rimpiangerà quando le lanciavano solo le banane sul palco.

Leave a Comment