Aumentano i pedaggi. Ma solo al Nord. Viva la Lega italiana

pedaggio_casello_segnaletica

di CORRADO CALLEGARI – Cosa non poteva mancare dal 1° di gennaio? L’aumento dei pedaggi su 600 dei 6000 chilometri di autostrade italiane. Vediamo: TEM e Brebemi (+2,2%, col primato di essere le più esose del paese), Torino-Bardonecchia (+6,6%),  CAV (+2%), Torino-Savona (+2,2%), Aosta-Monte Bianco, già cara impestata (+6,3%, controllata da Aspi), Savona-Ventimiglia (+0,7%), AutoCisa (+1,8%), Autovia Padana (ex Centropadane, +0,1%). La Serravalle crescerà da febbraio del 2,62%. Come foglia di fico, arriva la Tangenziale di Napoli (+1,8%),

 

Certo, per un ministro che immagina il tunnel del Brennero già operativo, per un altro che macina consensi regalando redditi al Sud, e un altro che vede solo barconi, e non il Pil in picchiata, per un governo che non fa il decreto per rendere operativa quota 100, creando una piccola sacca di potenziali esodati gialloverdi, col diritto alla pensione ma di fatto senza possibilità di andarci, per tutto questo che si può dire? Che gli elettori aprano gli occhi. Imbambolati sui social, sulle promesse populiste, sulle tasse che crescono oltre il 42%, non meritano evidentemente di pagare di più le autostrade. Quelle sempre a posto, le più care d’Europa. E della cui manutenzione ci si può fare vanto ingegneristico nel mondo.

Coordinatore regionale Grande Nord Veneto

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Enrico says:

    Una pietosa aggiunta ovvero: aumenti vergognosi ed indiscriminati x tutti gli ammennicoli che gravano sulle bollette luce,gas,acqua, senza nessuna protesta seria da parte politica e sindacale. Dovremmo chiedere a Salvini & c. Se questa sia la esatta interpretazione o meglio l effetto della vostra tax,ovvero quello che ci è stato propinato come Schok fiscale …ed in effetti se non è proprio Schok,poco ci manca. Nella più classica tradizione italiota: a nuovo governo nuove tasse ma con tante promesse. Dall’avvento della Repubblica sempre manovre di pressione fiscale x diminuire il debito pubblico….risultati: aumento delle tasse ed aumento del debito pubblico. Viva l’Italia !!!!!

  2. Enrico says:

    Girala come vuoi,ma sempre cialtroni erano,sono e saranno e ci hanno rubato oltre al resto anche la speranza riducendosi ad un popolo di schiavi sudditi svuotati della spina dorsale.

  3. Grande Nord Liguria says:

    dobbiamo combattere per 80 € annuali per tutti, come in Germania….e sono anche troppi.

Leave a Comment