Aumentano gli alunni stranieri nel Nord Est

tab scuola3Aumentano gli alunni stranieri nel Nord Est. Nel 2016 sono 130 mila (12,5% del totale alunni), +52,6% dal 2007. Forte presenza delle seconde generazioni: 6 su 10 sono nati in Italia.

 

Sono quasi 130 mila gli alunni stranieri nelle scuole del Nord Est, con un’incidenza del 12,5% sul totale alunni. Negli ultimi 10 anni il loro numero è aumentato del 52,6%, passando da 85 mila a 130 mila presenze. Di questi, il 64,4% è nato in Italia: componente che arriva all’88,0% nelle scuole dell’infanzia. Questi i risultati di una ricerca della Fondazione Leone Moressa, che sarà presentata il prossimo 5 maggio a San Donà all’interno del convegno LIBERIAMO I TALENTI.

Oltre 90 mila in Veneto. Il Veneto è la terza regione italiana per presenza di alunni stranieri (91.853), dopo Lombardia ed Emilia Romagna. In Friuli V.G. gli alunni stranieri sono 18.960, in Trentino A.A. 18.433. L’incidenza sul totale alunni è del 12,5% nel Nord Est, superiore rispetto alla media nazionale (9,2%). I valori più alti si registrano a Pordenone (14,9%), Verona (14,1%) e Treviso (13,6%). L’incidenza più bassa è invece a Belluno (7,5%).

Le seconde generazioni. Gli alunni stranieri nati in Italia nel Nord Est sono il 64,4% del totale stranieri. Picco massimo in Veneto, dove rappresentano il 65,9%. Componente che aumenta nelle scuole dell’infanzia (89,7%) e Primaria (78,9%), sempre superiore rispetto alla media nazionale.

I Comuni con la presenza più alta. A livello comunale, in molte realtà si supera la soglia del 15%. Il valore massimo è nel Comune di Bolzano (21,8%), in cui probabilmente incide anche la minoranza di lingua tedesca. In Veneto spiccano i comuni di Conegliano (16,6%), Vicenza (16,0%) e Padova (15,3%). In Friuli il picco massimo è a Pordenone (15,7%).

A Trento e Trieste il picco nei Licei. L’integrazione degli alunni stranieri si misura anche dalla scelta del percorso di scuola superiore. A livello nazionale, il 35,7% sceglie un istituto professionale. Media simile anche in Veneto (38,3%)  Friuli V.G. (36,2%). Diversa la situazione in Trentino A.A., dove solo l’8,5% degli alunni stranieri sceglie il professionale. Le province con la maggior presenza di alunni stranieri nei Licei sono Trento (37,2%), Trieste (27,6%), e Padova (25,9%).

Il divario con gli italiani. La differenza tra italiani e stranieri si nota anche dal voto medio di chi ha passato l’esame di terza media. Tra gli alunni stranieri, solo il 12,5% ha conseguito un voto superiore al 9, mentre tra gli italiani questa componente arriva al 29,2%. Al contrario, tra gli italiani meno della metà (46,5%) ha preso 6 o 7, mentre tra gli stranieri questa componente raggiunge il 69,7%.

Secondo i ricercatori della Fondazione Leone Moressa, “i dati evidenziano la forte presenza straniera nelle scuole del Nord Est, ma anche il divario ancora forte tra italiani e stranieri“. Di questi temi si parlerà Venerdì 5 maggio alle 14:30 a San Donà al convegno “LIBERIAMO I TALENTI”, organizzato da Fondazione Leone Moressa e Forcoop Cora. Saranno presentati i risultati del progetto Unexpressed Talent (finanziato dal programma UE Erasmus Plus).

L’incontro, rivolto a educatori e insegnanti, affronterà i temi dell’inclusione dei giovani e dell’integrazione nella scuola, attraverso dati statistici e schede pratiche.tab scuolatab scuola2

Print Friendly

Recent Posts

Leave a Comment