Arriva dal Web la fine dello Stato nazione

di MARCO PINETTI

Nel corso degli ultimi decenni, il concetto di stato-nazione è stato tenuto vivo nelle menti delle nuove generazioni attraverso l’imposizione di confini culturali ancor prima che fisici, costituiti in larga misura dall’insegnamento della “comune lingua nazionale”, ma composti anche da molti altri elementi.
Per citare due esempi: dal concetto militare di patria, veicolato attraverso il servizio di leva, alla concezione localistica del mercato, delineata dai dazi e dal mito del “prodotto nazionale”.
A questo si aggiungevano la difficoltà di viaggiare all’estero, dovuta sia agli impedimenti doganali che agli alti costi dei trasporti, e la quasi impossibilità di reperire informazioni da altre nazioni se non attraverso il filtro della stampa, di nuovo, nazionale.

Pleonastico far notare che il mondo, e anche la penisola italica, sono un po’ cambiati.

Dal 2005 il servizio di leva è stato definitivamente abolito, ma già da diversi anni i contingenti erano scesi ben al di sotto della media di 800.000 – 1.000.000 degli anni ’80. Questo significa che intere generazioni, dai nati dei primi anni ’80, crescono senza essere militarmente indottrinati alla difesa della patria unita. Cresce invece il progetto di scambio per studenti Erasmus, che ha superato in Italia quota 20.000.

Il 40% degli italiani oggi è in grado di comprendere almeno una lingua straniera. Molto sotto la media europea, comunque nettamente superiore ai livelli riscontrabili fino a una trentina di anni fa.
Il traffico aereo in Italia è cresciuto dai 60 milioni del 2001 ai 116 del 2012, nonostante la crisi e in buona parte grazie alle low cost.
Gli italiani si spostano di più, e quando si spostano sono spesso (non ancora abbastanza) in grado di comprendere ed esprimersi.

Per non dire dell’enorme aumento di scambio di merci e servizi permesso dall’allentamento delle frontiere, non solo in area comunitaria.

I confini culturali dello stato-nazione cominciano a vacillare. Il colpo più duro, però, viene inferto da… CONTINUA A LEGGERE QUI.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment