Appoggiamo sempre qualsiasi iniziativa per scalzare questi quattro s…

di GIORGIO MASOCCO*

Egregio Direttore,

mi permetto questa mia, avendo vissuto in presa diretta il 9 dicembre, a seguito delle varie discussioni che ha innescato il Suo editoriale.

I presidi lombardi, parlo per quello di Como, pur simile agli altri per quanto riguarda le persone, erano più alla buona, PER RISPETTO DELLA GENTE, organizzati da brave persone, timorose di uno stato inesistente.

Quindi, avanti con bandiere italiane, spostarsi quando era verde, e altre amenità di questo genere.

Però, però.

Il presidio era composto per la più parte da ragazzi di 17/18/19 anni, ragazzi che per folclore avevano in mano una strana bandiera tricolore, e cantavano, o Mameli, o Bella Ciao, o altro, in buona fede.

Sinceramente, da FEDELISSIMO, degli uomini del Campanile (in cuor mio), è giusto sia così; ma tutti questi indipendentisti, secessionisti, federalisti, contrari a tuttisti, da chi pensano di essere votati, da chi pensano saranno governati tra vent’anni?

Ma da questi ragazzi che picchettano oggi e che, pudicamente ed incoscientemente, sventolano un vessillo senza valore e cantano canzoni senza più storia né patria; (anacronistiche), saranno loro, che si voteranno e magari, se capiscono il valore della propria terra ti voteranno.

Per cui, chiedo, sommessamente ed intensamente, a tutti noi che amiamo e siamo innamorati del posto in cui viviamo, di appoggiare sempre qualsiasi iniziativa che serva per scalzare questi quattro ‘stronzi’, opulenti dei soldi nostri, e Salvini li rappresenta tutti, e tutti li incarna, sembra quasi un frullato di Renzi, Berlusconi, Maroni e D’Alema, con un pizzico di Casini, perché noi senza loro, potremmo rimanere poveri, ma loro senza noi, (i Salvini), possono solo giustamente suicidarsi, non avendo mai svolto lavoro che possa considerarsi tale in vita.

Ricordatevi sempre che il Nord è morto per mano amica, perché la mano amica, pur garantendosi almeno €. 20.000 al mese, si comprava le mutande verdi, i Ferrero Rocher o pagava i matrimoni dei propri figli.

 

*Il Doge di Cantù 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. dino says:

    Singolarmente siamo razionali secondo la nostra esperienza, votando esprimiamo la nostra irrazionalità sociale. Nel tempo anzichè pretendere razionalità politiche tendenti al risparmio,comè nostro d’uso,abbiamo lasciato correre anzichè controllare i nostri territori e regioni e pretendere che lo Stato rientrasse in certi parametri. Ora sembra che sia l’Europa a fissarli al posto nostro.

  2. alessandro says:

    Un solo piccolo appunto. I ragazzi che oggi sventolano il tricolore sono solo alcuni, non molti. i più non sventolano alcuna bandiera.

  3. braveheart says:

    HAI RAGIONE…NOI DOBBIAMO ESSERE INCAZZATI CON I NEMICI DEL NORD, LETTA ALFANO BERLUSCONI CASINI E ALTRI CHE CONOSCIAMO……MA ESSERE ANCORA PIU’ INCAZZATI CON CHI CI TRADITO DA 20 ANNI LA CASTA DI VIA BELLERIO CHE HANNO RACCONTATO BALLE AI PADANI E INTANTO A ROMA (E IN REGIONE) SI CUCCAVANO LE POLTRONE BEN REMUNERATE.
    I NEMICI SONO AVVERSARI MA POSSONO ESSERE FATTI PRIGIONIERI…..I TRADITORI IN GUERRA LI FUCILAVANO ALLA SCHIENA…
    PERCHE’ SALVINI ADESSO VUOLE FARE L’ANTIEUROPA CON LE PEN E ALTRI NAZIONALISTI FASCISTOIDI???
    CERTO PERCHE’ I VERI INDIPENDENTISTI SCOZZESI, BASCHI, CATALANI ECC. DELLA LEGGGA NODDE NON NE VOGLIONO SAPERE…

  4. mr1981 says:

    Leggendo l’articolo nell’ottica di una citazione attribuita a Churchill (chi non è di sinistra da giovane è senza cuore, ma chi non è di destra da vecchio è senza cervello) si potrebbero perdonare certe derive…

Leave a Comment