Anche nell’innovazione l’Italia è tra i peggiori paesi europei

di REDAZIONE

L’Italia, anche se ha migliorato la sua performance, resta tra i paesi Ue più indietro sul fronte dell’innovazione, situandosi sotto la media Ue nella categoria degli ‘innovatori moderati’. Solo Piemonte, Emilia-Romagna e Friuli-Venezia Giulia sono sopra la media e si situano tra le regioni che tengono il passo con l’innovazione. E’ quanto emerge da due rapporti della Commissione Ue che valutano il grado di innovazione dei 28 e delle loro regioni. “L’Italia – ha detto il vicepresidente Antonio Tajani – e’ un paese che arranca”.

L’Italia, nell’analisi che fa l”Innovation Union Scoreboard della Commissione Ue, resta come già nelle precedenti edizioni tra i penultimi ‘in classifica’, gli “innovatori moderati” al di sotto della media Ue. “Il suo rendimento innovativo – si legge nel rapporto di Bruxelles – è cresciuto costantemente fino al 2012, registrando un lieve calo nel 2013”. E se “la resa innovativa del paese rispetto all’Ue è cresciuta, raggiungendo l’80% nel 2013”, l’Italia presenta comunque ancora “risultati inferiori alla media unionale per la maggior parte degli indicatori”. Tra i punti deboli, il basso numero di dottorandi extraeuropei e di pmi innovative che collaborano con altre, mentre i punti di forza relativi stanno nelle co-pubblicazioni scientifiche internazionali e nei disegni e modelli dell’Ue.

Alcuni indicatori sono però in miglioramento, tra cui una “forte crescita” per quanto riguarda i dottorandi extraeuropei, le entrate dall’estero derivanti da licenze e brevetti, le co-pubblicazioni scientifiche internazionali e i marchi. Si registra invece un “rallentamento della crescita” negli investimenti di capitali di ventura, nelle spese per l’innovazione diverse da quelle per attività di ricerca e sviluppo, nei disegni e modelli dell’Ue e nell’occupazione in attività a elevata intensità di conoscenze. Nel gruppo degli innovatori moderati, di cui l’Italia è alla guida, vi sono anche Croazia, Repubblica ceca, Grecia, Ungheria, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Spagna.

I primi della classe restano invece i paesi nordici: leader dell’innovazione sono Danimarca, Finlandia, Germania e Svezia. Con una performance sopra o nella media Ue, sono invece i paesi che ‘tengono il passo’, ossia Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Slovenia e Gran Bretagna. In termini complessivi, dallo studio di Bruxelles emerge come l’Europa stia colmando il divario con gli Usa e Giappone, ma le differenze tra i 28 rimangono ancora considerevoli, riducendosi lentamente. A livello regionale, il gap dell’innovazione si sta allargando e in quasi un quinto delle regioni dell’Ue il rendimento innovativo è peggiorato.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Dan says:

    Beh certo che siamo indietro.
    Supponiamo che un italiano abbia una buona idea: o trova forti resistenze in casa quindi prende l’esempio di colombo espatriando o la sperimenta alla veloce, la sgrossa, infine trasferisce armi e bagagli all’estero dove ha sicuramente maggiori possibilità di crescita e sviluppo.

Leave a Comment