Amorevole Pdl. Alfano: è un disgraziato. Dell’Utri: è un senza palle

di REDAZIONE

La nuova discesa in campo di Silvio Berlusconi rischia di provocare una nuova resa dei conti all’interno del Pdl. Come dimostra questo primo scontro tra il segretario Angelino Alfano e il senatore e amico fraterno di Berlusconi Marcello Dell’Utri.
DELL’UTRI – Alfano, «è persona brava e capace, ma non ha la maturità per aspirare al premierato», dice Dell’Utri in un’intervista rilasciata a Repubblica. «La segreteria Alfano non è mai esistita. Poveretto, non ha potuto cambiare niente, se siamo ridotti in questo stato è perchè il partito è imploso, non si è rinnovato» ha spiegato il senatore siciliano.

ALFANO – Non si è fatta attendere la replica del segretario del Pdl: «Dell’Utri – ha detto durante la trasmissione tv “Porta a porta” – è un povero disgraziato per quello che gli sta succedendo e parla a ruota libera permettendo agli osservatori di pensare che il suo sia il pensiero di Berlusconi e questo nuoce al presidente. Credo che Berlusconi debba porsi seriamente il problema della composizione delle liste».

LA NUOVA REPLICA – Passano pochi minuti ed arriva la controreplica di Dell’Utri: «Io ho già detto chiaramente quello che penso del segretario, un povero disgraziato l’ho detto io prima di lui e lui mi risponde con le stesse parole… Ho detto meno di quello che penso… Non mi va di replicare, Alfano si è già qualificato da se per questa risposta piccata e fuori luogo. I guai del Pdl, purtroppo – insiste il senatore – vengono tutti dalla sua incapacità, dalla sua insipienza. Non ha le palle, non c’entra niente con noi».

Fonte originale: www.corriere.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment