Altro che Europa. La Turchia entra in Isis

turchia4

di ROBERTO BERNARDELLI – Mentre appaiono sempre più chiari i contorni di un golpe-farsa che non ha fatto altro che dare più potere ad Erdogan, quello che in pochi avevano il coraggio di dire (noi in primis) è ormai un dato di fatto: in Turchia a breve sventolerà la bandiera nera.

 Quello che doveva essere uno Stato “cuscinetto” tra Oriente ed Occidente ha ormai deciso di stare dalla parte di più nera del mondo. Nera, come la bandiera di Isis.

  E infatti la paura delle donne turche è realtà: «la legge islamica è più vicina». Sono partite le ronde notturne degli uomini, l’aria comincia a farsi tesa.

Altro che Gezi Park…

 

 

Print Friendly

Articoli Recenti

5 Commenti

  1. Castagno 12 says:

    Segnalo un articolo postato su “Il Nord” – Quotidiano.
    “IL FINANCIAL TIMES ANNUNCIA TOUR EUROPEO DI NIGEL FARAGE PER PROMUOVERE ALTRI REFERENDUM D’USCITA DALLA UE E DALL’EURO”.
    Redazione Milano – 21 Luglio 2016

    Ritengo indispensabile che almeno alcuni Movimenti Indipendentisti italiani prendano contatto con Nigel Farage per incontrarlo. Sarà utile la sua consulenza.
    Bisogna agire con rapidità per uscire dalle due attuali trappole prima che il Governo Mondiale abbia completato l’allestimento della Nuova UE.
    La buona salute della Gran Bretagna, la sua Indipendenza e la sua Libertà sono determinanti per la sopravvivenza dei Paesi europei.
    Ma il tutto verrebbe compromesso dall’imposizione di una Nuova Ue, ancora più sottomessa ed invasa.
    Ovviamente un colloquio con Nigel Farage non è vincolante, non è impegnativo.
    Ma potremo FINALMENTE sperare che gli Indipendentisti, dopo aver fatto le opportune valutazioni, punteranno su obiettivi concreti.
    Non si può continuare a bruciare del tempo prezioso solo per segnalare il MARCIO NEL QUALE SIAMO IMMERSI !

  2. Castagno 12 says:

    Nel Settembre 2015 un mio scritto riportava alcuni articoli che registravano la nostra condanna.
    Dal blog http://www.stampalibera.com
    1) articolo. “Il generale Clark ammette ISIS creato da USA e NATO” – Redazione – 15.9.2015 – Categoria: Guerra.
    2) articolo: “La Francia arma i terroristi dell’ISIS e aizza la guerra civile” – Redazione – 11.9.2015 – Cetegoria: Guerra.
    3) articolo: “E adesso chi li ferma più ? Sono già un esercito”” – Redazione – 12.9.2015 – Categoria: Guerra ” Eccoli chi sono i finti profughi e adesso come li fermiamo senza un nostro esercito. Adesso che sono nelle caserme e nelle <<Parrocchie ? Dove nasconderemo le donne ? ….. ".
    Io avevo aggiunto: "I tanti episodi di violenza che in questi anni le donne italiane hanno subito per opera di stranieri, non hanno suscitato negli "uomni" italiani alcuna reazione degna di nota. Questi sono i fatti, non si tratta di una mia opinione. L'italiano medio difende la sua squadra di calcio".
    4) articolo: "L'invasione è servita" di Rallo Michele – 11.9.2015 – Categoria: Mondialismo
    Ad integrazione di quanto sopra riportato, recentemente ho suggerito, un paio di volte, di scrivere su Google. "Chi ha progettato il terrorismo" – Chi ha finanziato il terrorismo" – "Chi arma i terroristi" – "Chi addestra i terroristi" – "Dove vengono addestrati i terroristi".
    Se non si conosce la trafila completa, non è possibile programmare azioni, anche quotidiane, che neghino qualsiasi aiuto è sostegno a chi gestisce IL TERRORISMO, UN PRETESTO VALIDO CHE CONVINCE SOLO I BABBEI..
    Comunque, oltre ai commenti, le Dirigenze Indipendentiste, non potrebbero fornire delle dritte ?
    Io da tanto tempo faccio alcune cose, che ho già indicato. Potrei incrementare il mio menu. Grazie.

  3. Fil de fer says:

    Non vi è alcun dubbio sul fatto che Erdogan ha già fatto la sua scelta e non è quella che i paesi europei vorrebbero. Dico vorrebbero perché piuttosto che rinunciare ad una Turchia europea sono disposti a prostituirsi sino in fondo. Lo hanno già fatto pagando a Erdogan la tangente dei profughi e degli immigrati.
    Cosa possiamo sperare adesso ?
    NULLA !!!!!!
    Le profezie sono una cosa seria e tutto quello che sta accadendo portano alla loro definitiva concretizzazione.
    Mi aspetto che l’Europa, come gli Usa e altri……mettano in campo delle sanzioni esemplari contro la Turchia.
    Lo so, sarà il Popolo Turco a soffrire di più, ma solo cosi’ facendo lo stesso Popolo Turco scaverà la fossa ad Erdogan e i suoi scalmanati e feroci sostenitori.
    L’Isis non è nato per caso….forse ha avuto dei padri fondatori, non solo uno, ma diversi ed Erdogan li rappresenta benissimo.
    In Libia la Francia gioca come al solito…sporco e riceve la sua paga con attentati di ogni genere.
    Se non si mette fine al Califfato al più presto con azioni pesanti e mirate….ci ritroveremo presto a dover constatare che la terza guerra mondiale non è un brutto sogno, ma una dura realtà.
    Saper aprire gli occhi ed ascoltare i fatti accaduti in Turchia vuol dire prendere atto della realtà e cercare di evitare un nuovo genicidio di turchi e curdi in nome di Allah !!!!!
    Sono stato in Turchia diversi anni or sono ed ho il massimo rispetto per il Popolo Turco che ho conosciuto si come un Popolo orgoglioso delle proprie origini ma che già allora mi dicevano che a loro non interessava entrare in Europa e che eravamo noi Europei ad insistere perché lo facessimo.
    Ergo……????? Erdogan ci ha preso in giro sino ad ora. La NATO farà bene a liberarsene se non vorrà trovarsi in casa un nemico giurato !!!!!
    WSM

  4. luigi bandiera says:

    L’occidente ASSENTEISTA, forse per via che di guerre… ne ha fatte tante che una pausa pranzo ci sta, si ancora e ne fa perno per i suoi girotondi e anche perche’ no alle commemorazioni, agli eroi (fasulli), alla carta piu’ bella del mondo (da bruciare), a certi intellighenti, ai soliti slogan… (che sono oltremodo mefitici) e ecc..
    .
    Sicuramente sta per arrivare il cambiamento, per altro gia’ iniziato, della societa’ umana.
    L’e’ che con una intellighenzia cosi’ tanto malata (alla Giordano Bruno… leggere l’articolo in questo ‘online) c’e’ poco da stare allegri.
    Preghiamo.

  5. Paolo says:

    Quello che più fa impressione in questo contesto é che non si vedono persone di mezza età, ma solo giovani a scendere nelle piazze!

Lascia un Commento