Regione Lombardia: arrestato l’assessore alla Casa. E la Lega ora che fa?

di REDAZIONE

L’assessore alla Casa della Regione Lombardia, Domenico Zambetti, e’ stato arrestato dai Carabinieri con l’accusa di aver comprato un pacchetto di preferenze per la sua elezione nelle Regionali 2010 da due esponenti della ‘ndrangheta. I carabinieri parlano di operazione “senza precedenti”: sinora non s’era mai visto in Lombardia un politico pagare i gangster della ‘ndrangheta per avere un pacchetto di voti sicuri. Erano voti pagati in contanti, a caro prezzo, 50 euro circa l’uno, quelli presi da Domenico Zambetti, 60 anni, pdl. Era stato eletto alle ultime competizioni con 11.217 voti di preferenza, quindi nominato assessore alla Casa al Pirellone.

Secondo l’inchiesta, ha dovuto pagare al rappresentante dei clan calabresi, in varie rate, 200mila euro. Una è di 80 mila, una versata il 31 gennaio 2011 e l’ultima rata, 30 mila euro, è stata pagata nell’associazione culturale ‘Centro e libertà’ con sede in via Mora 22 il 15 marzo 2011. E’ un altro colpo per una giunta, come quella Lombarda, che vede il presidente Roberto Formigoni indagato per corruzione con i faccendieri Antonio Simone e Piero Daccò, e ha visto altri arresti per appalti e inchieste per tangenti.

L’ordinanza firmata dal gip Alessandro Santangelo viene eseguita in queste ore e nell’elenco degli arrestati figura, accanto all’assessore Zambetti, anche Ambrogio Crespi:  è il fratello minore del più celebre Luigi, ex sondaggista preferito di Silvio Berlusconi. Sarebbe stato proprio Crespi, secondo l’accusa, a rastrellare i voti nei quartieri periferici di Milano, grazie ai suoi numerosi contatti con la malavita organizzata.
Si tratta di un altro duro colpo per la Giunta di Roberto Formigoni, indagato per le note vicende legate a Daccò e Simone, e ora per il governo lombardo diventa estremamente difficile rimanere in piedi. In particolare i riflettori si spostano sulla Lega e su Roberto Maroni: decideranno di staccare la spina? A proposito di Lega si parla tra l’altra di ormai prossima conclusione delle indagini che riguardano l’ex presidente del Consiclio regionale Davide Boni per il quale è probabile la richiesta di rinvio a giudizio.

Con l’arresto di Domenico Zambetti sale a 13 il numero di esponenti politici – fra Giunta e Consiglio – indagati dal 2010, inizio della legislatura al Pirellone. Proprio l’altro ieri, e’ stato condannato in primo grado a due anni e mezzo per falso e truffa il consigliere del Pdl Gianluca Rinaldin mentre la scorsa settimana e’ stato chiesto il rinvio a giudizio per varie ipotesi di reato, fra cui corruzione, per l’ex vice presidente dell’Aula, Filippo Penati, ex Pd.

“La Lega Nord e’ nata per combattere mostri come la ‘ndrangheta, Roberto Maroni e’ stato nei fatti il miglior ministro antimafia di sempre, la Lombardia ha sempre reagito e lo fara’ anche ora. Attendiamo notizie sull’arresto di Domenico Zambetti, ho disdetto altri appuntamenti e convocato una riunione del gruppo della Lega” nel Consiglio regionale lombardo “gia’ questa sera”. Lo afferma il segretario nazionale della Lega Nord-Lega Lombarda per l’indipendenza della Padania, Matteo Salvini, in relazione all’arresto dell’assessore alla Casa della Regione Lombardia, Domenico Zambetti.

A questo punto, però, per il Carroccio proseguire in questa esperienza di governo equivarrebbe ad arrampicarsi sui vetri…

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

25 Comments

  1. L’Italia é divenuta una repubblica di ladri e molti non riescono a rendersi conto della situazione e continuano a battersi per i colori e Partiti.
    NESSUNA PIETA’ PER L’ITALIA.
    Il mondo ci osserva con note di biasimo e punizioni ben meritate che per il momento non alterano i programmi di comportamento fra le varie Organizzazioni Politiche Nazionali del malaffare, a braccetto con associazioni Sindacali di supporto esterno con Leggi affidate alle infinite interpretazioni di coscienza.
    A nulla serve informare, denunciare, Capi di Governo, il Santo Padre, Presidenti di Parlamento e di Senato, Ministri della Repubblica, Imperatori Regionali, Garanti di sistema, Magistrati, Giudici, Clero e Assatanati, i quali se ne infischiano altamente del macabro destino del Paese.
    Nella mia precedente lettera del 2 Maggio 2013 probabilmente finita nel Vostro cestino dei rifiuti, denunciavo che dopo 40 anni di duro lavoro per il mondo, dove inviavo il ricavato per il sostentamento della famiglia in Italia, attualmente ricevo:
    Euro 8 mila all’anno di Pensione di cui vengono sottratti: –
    Euro 6 mila e 200 dall’ALER Regione Lombardia come giustificazione per l’affitto,
    Euro 900 per luce e Gas,
    Euro 600 per telefono e Internet,
    Euro 800 per medicinali non sovvenzionati e non rimborsabili,
    Euro 224, 50 per la Tares, con un saldo di: –
    Euro sotto ZERO dopo aver pagato oltre 13 volte l’abitazione in 37 anni, creando debiti evitabili se ci fosse un po’ di partecipazione dello Stato e delle Regioni alle Ingiustizie imposte dalla Mafia Istituzionalizzata.
    Queste informazioni tradotte in varie lingue, fanno il giro del mondo denunciando la realtà di un Paese Capitale dell’opportunismo Politico, dove il Dio Cristiano è usato per promuovere le crociate del malaffare, sottomettere i credenti per dominare con sistemi anti Sociali e anti Umani soffocati da parolai ben remunerati per nascondere un Regime Politico e Filosofico Spirituale Totalitario scambiato per Democrazia Liberista.
    Dal 1972 al 1992 per decreto legge emesso da Giovanni Leone (considerato l’uomo degli scandali, poi obbligato a dimettersi), allora Presidente della DC, tutti i lavoratori Italiani furono derubati di una tassa addizionale inizialmente programmata per la creazione di un Fondo GESCAL che avrebbe permesso allo Stato di raccogliere miliardi con la causale di fabbricare case popolari per i bisognosi.
    Fu rafforzato l’Ente denominato IACP amministrato da personale Politico, nel quale furono incamerati una parte dei soldi raccolti e iniziarono a costruire case a costi superiori al valore di mercato, per far fronte al supporto della corruzione Politica Italiana ormai incarnata a livello Nazionale.
    In quanto al resto dei soldi, la parte più consistente della torta, si trattava di migliaia di miliardi, non si sa che fine abbiano fatto. Nel frattempo molti Politici sono diventati ricchissimi. Pare che la DC, o chi per lei, disponesse di molti Palazzi in Svizzera. Pare che il Presidente Moro, in poco tempo divenne miliardario, ma non riuscì a portarsi dietro la sua fortuna, eliminato ante tempo dalle Brigate Rosse. Pare che varie storie di suicidi eccellenti siano collegati a intrallazzi Politici per interessi Economici che sicuramente porteranno nel al di là.
    Bisognerebbe chiedere alla DC, ai Sindacati e ai Governi ombra di allora, i quali Governarono il Paese per tanti anni, , come nacque il pentolone senza fondo che diede origine al penoso debito Pubblico Nazionale sempre crescente sin dall’inizio della crisi dagli anni 70 sino ai nostri giorni.
    Terminate le costruzioni nel 1975, lo IACP iniziò ad assegnare le case alle famiglie a condizioni di riscatto, in modo che l’Ente rientrasse nei soldi della costruzione attraverso i mutui Bancari. Il colpo di scena, i documenti relativi al riscatto non sono mai arrivati, malgrado proteste e ricorsi alle Autorità superiori. Nessuno risponde. Legge del silenzio per non cascare nell’inganno. Intanto i Condomini pagavano le bollette mensili gonfiate, deprivati persino dei servizi fatturati e mai goduti, il tutto per mantenere una Piramide di corrotti e corruttori al servizio dei vari Partiti.
    Nel 2001 lo IACP viene sostituito in gran segreto dall’ALER, cancellando ogni precedente accordo con gli inquilini. L’ALER subentra come dipendenza della Regione amministrata da rappresentanti della Chiesa Cristiana, la quale con la forza si impadronisce delle case già pagate oltre dodici volte il valore originale, sottraendo sia i soldi iniziali versati dai lavoratori alla GESCAL, sia i pagamenti versati dagli inquilini per oltre 37 anni: le case diventano proprietà della Regione nelle mani del Partito di Comunione e Liberazione.
    L’ALER, come dipendenza della Regione Lombardia, Governata da Roberto Formigoni dal 1995 sino al 2012, apparente autore del colpo mancino del millennio, rappresentante del Partito della Chiesa “Comunione e Liberazione” il tutto soffocato per anni dall’informazione, minacciando di sfratto tutte le famiglie che non sottostanno a pressioni e soprusi imposti dal sistema, con l’appoggio dei Sindacati e dei Politici a libro paga.
    Il caso non fu mai risolto nonostante i vari cambi di Governo. Uno scandalo di grandi proporzioni di cui non tutti sono informati, e fu riportato all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale come uno dei tanti reati impuniti dello Stato Italiano.
    Oggi la Nazione oltre alla Crisi, paga le conseguenze dei furbetti, con una recessione causata da diversi decenni di Sciacallaggio Politico e Spirituale.
    ANTHONY CERESA.

  2. Marco says:

    Notare la consueta malafede di Saviano che su twitter, cercando di associare Zambetti alla Lega e, di conseguenza, ai partiti (presunti) padanisti, e la Mafia alla Padania, dichiara: ”Zambetti: 200mila euro pagati alla ndrangheta in cambio di voti. Cosa dice Maroni? E chi firmò accusandomi di aver dato del mafioso al Nord?”

  3. Dino says:

    L’eccellenza della regione Lombardia! Ndrangheta,mignotte,corrotti e corruttori non manca nulla. COMPLIMENTI ALL’ECCELENZA

  4. Andrea F. says:

    Se la lega manda a casa Formigoni vincerà la sinistra, amen!

  5. Francesco says:

    la Lega non farà un caxxo come al solito, visto che non si é mai opposta alla meridionaizzazione selvaggia del nord negli utimi 30 anni.

    • Culitto Salvatore says:

      quale meridionalizzazione? negli ultimi 30 anni e in particolare negli anni 80 si è assistito ad un contro esodo, i meridionali che erano scesi al nord dopo averli cortesemente “civilizzati” sono tornati alle loro terre (certo non tutti, ma in molti) ora non si guarda più al “nord” ma si guarda all’estero, porteremo il verbo anche la!

  6. Gianni says:

    La lega deve scappare da tutto questo marciume,
    chi si vende per 50 euro vale poco

  7. Ric 81 says:

    va via maroni e poi??? Vi meritereste mille pisapia in regione(fra l’altro se non ho capito male lo scandalo riguarda anche le elezioni nel 2011)…sempre una critica!! Se volete la mia, stavolta la lega la stacca davvero la spina al governo lombardo, e sono convinto che anche in quel caso e comunque le critiche continueranno a esserci, sia che tolga la maggioranza si che no. Lo avete già ribadito il trota e alcuni affari sporchi con cui la lega avrà partecipato con il pdl, poi chi mandiamo su il nr 2 di penati fate come in libia la rivoluzione araba dove alla fine dopo a trionfare sono i fratelli musulmani?? ma vedete un pò voi!! Magari sostutuiamo anche zaia e ci mettiamo scalfarotto o Bortolussi o riprendetevi Galan….ma per piacere……

    • Ferruccio says:

      Ric 81…… suvvia essi bravo…

      Dobbiamo fare pulizia dobbiamo usare le scope….
      noi siamo la Lega 2.0 la Lega degli onesti

      Non hai capito ancora !!! Le scope vanno usate dalla parte del MANICO …
      per accarezzare le SCHIENE

      • Ric 81 says:

        Ferruccio ho capito!! Formigoni non mi è mai piaciauto è un affarista come tanti nella politica come ci sono anche nella lega, lo so benissimo, la mia questione è che dopo uno scandalo del genere se non si dimette è la lega che dovrebbe togliere la maggioranza punto e basta, onesti o non onesti se hai un minimo di etica lo fai, e alle prossime elezioni ti candidi da sola o con liste civiche ma non fai apparentamenti con partiti. Il punto è che la lomabrdia è il locomotore d’italia e con formigoni piaccia o non piaccia in questi 15 anni lo è continuato ad essere non certo per esclusivo merito suo ma non si può neanche dire a parte le beghe giudiziarie che abbia amministrato male. Spero che chi verrà oltre ad essere onesto intendiamoci, sappia anche amministrare una regione così determinante perchè non si parla di Lazio, perchè se la si amministra come la puglia di vendola andiamo allo scatafascio, e non lombardia come regione ma tutta la padania e italia paese.

  8. Rapizza says:

    Bisogna chiedere alla aurora che ha sempre detto che la Calabria sono amici come Scopelliti e li manda pure in tv! Tutto è ok !

  9. Culitto Salvatore says:

    ora che la lega ladrona viene accusata tutti avevano il sospetto che… ma fatemi il piacere i voti li avete dati voi non io

    • Anrea F. says:

      Domenico Zambetti, assessore regione Lombardia, ex democristiano, nato a BARI nel 1952, arrestato per voto di scambio con la ndranghetta CALABRESE. ad oggi non risulta che la lega abbia rubato, se si faranno i processi e ci sarà una condanna , ne dubito, ne riparleremo, intanto atteniamoci ai fatti…………..

    • Marco says:

      A parte che Zambetti non è leghista, i voti in oggetto non riguardano “noi” padano alpini ma “voi” meridionali (ammesso che lei lo sia) visto che si sta parlando di mafiosi immigrati impegnati a esportare una forma della vostra cultura in Padania.

  10. ferdinando says:

    Maledetto personaggio! Ma i veri Lombardi si accorgono che sono stati svenduti alla ndrangheta calabrese, non c’è più niente di serio ormai neanche nella società lombarda?
    Dove sono i grandi uomini Lombardi che hanno insegnato col proprio lavoro e onestà meneghina a diventare grandi?
    Se questi sono i risultati dell’immigrazione dal Sud.. Che risultati ci saranno ora dall’immigrazione dai paesi dell’America Latina, della Cina, dell’ex Jugoslavia…?
    Solo prostituzione e droga con omicidi ogni 5 minuti?
    Siete, siamo rovinati dalla maledetta politica di sinistra e cattocomunista….

  11. lory says:

    questi politicanti sono quasi tutti ladri, forza Eva Klolz vai avanti con il referendum per l’indipendenza del Sud Tirol !!!

  12. Pietro Caldiera says:

    Io ho sempre sospettato che molti dei voti che hanno mandato il Trota a sedersi nel Consiglio Regionale lombardo gli siano stati procurati da Belsito tramite il network calabro in Lombardia.

    • Marco says:

      Lei potrebbe essere una fonte valida per una prossima comparsata Rai di Saviano!
      Ragionevolmente, il trota in regione ci è arrivato “grazie” ai voti dei militanti che gli ha “procurato” la Rizzi e, ovviamente, a quelli avuti per il nome che porta.

  13. erio says:

    confido in Matteo Salvini, altrimenti anche Lui è uguale agli altri politici.

    • Landò says:

      Lui? Maiuscolo? Caspiterincioli …..ma la malattia mentale nell’ex lega dilaga…Lui è puro onesto ne bello es ha pure un grosso uc….

  14. longobard says:

    paiazzi…la lega non avrà mai il coraggio di far cadere la giunta del formigone

  15. AlbertoPd says:

    La lega che farà? niente! come negli ultimi 20 anni…solo gnam gnam.

  16. Paolo L Bernardini says:

    Gli daranno gli arresti…domiciliari!

  17. Crapa de legn says:

    Maroni l’altro ieri, ribadendo l’appoggio ai “celesti”, ha afferrmato:
    “da Formigoni ci aspettiamo risposte concrete”….

    Ciàpa !

    Via da Roma ?

    Prima via da Milano: il fetore è più vicino !!!!!!!!!

Leave a Comment