Alternativa per la Germania: nato il primo partito contro l’Euro

di REDAZIONE

E’ stato fondato oggi in un clima di incredibile entusiasmo “Alternative fuer Deutschland” (AfD), il partito che per acclamazione dei delegati ha deciso di presentarsi alle elezioni del 22 settembre per la Cancelleria. La sala dell’Hotel Interconti di Berlino ha fatto fatica ad accogliere i 1500 delegati, alcuni dei quali portavano un biglietto vero da 100 marchi sul bavero della giacca. “Basta con questo euro”, “la reintroduzione del marco non deve essere un tabu'”, questi gli slogan scanditi durante la manifestazione, mentre l’economista amburghese Bernd Lucke, fondatore di AfD, annunciava dalla tribuna che “adesso si parte, dobbiamo abolire l’euro, se siamo dei veri europei”.

Polemizzando con Angela Merkel, che ripetutamente ha affermato che “se fallisce l’euro fallisce l’Europa”, Lucke ha spiegato che “se fallisce l’euro, non fallisce l’Europa, ma fallisce questo governo”. La mente direttiva del nuovo partito si e’ collocato nel suo discorso nella tradizione politica di Adenauer, Kohl, Schmidt e Willy Brandt, spiegando che AfD “non e’ ne’ di destra, ne’ sinistra. Non abbiamo bisogno di alcun cartello ideologico direzionale, ma solo di un sano buonsenso”. Nel frattempo i sondaggi rivelano che la nuova formazione potrebbe godere di un potenziale elettorale del 20%. Il governatore dell’Assia, Volker Bouffier (Cdu), invita il suo partito a non prendere sotto gamba AfD, spiegando che “dobbiamo analizzare accuratamente la situazione”. Un altro fondatore di AfD, il giornalista Konrad Adam, tra il tripudio dei delegati ha esclamato, rivolgendosi agli altri partiti, che adesso “hanno paura di noi”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

6 Comments

  1. Diego Tagliabue says:

    Esistono eccome!

    Era la vecchia idea di Theo Waigel: un’Europa a due velocità, già teorizzata nel 1992.

    I PIGS gli diedero del “razzista”, mentre lui aveva ragione!

  2. eli says:

    ritorniamo alla lire. quando siamo entrati nell euro, abbiamo avuta dalla notte alla mattina, una svalutazione del 100% del potere d acquisto, tutto quello che costava 1000lire, la mattina dopo , è costata 1euro,,, (= 2000lire), questo è stato il guadagno entrando nell euro?.. prodi vada a quel paese. ritorniamo alla liraaaaaaaaaaaaa così , 1euro, sarà = a 2000lire

  3. luca says:

    O tutti con l’euro o ritorno delle valute nazionali. Non esistono vie di mezzo (euro nord e euro sud).
    Dopo 11 anni di euro gli eurocrati ancora non hanno capito che i tassi di cambio fissi non funzionano in presenza di un forte welfare state.
    E poi l’eurozona non era e non sara’ mai un’area monetaria ottimale.

  4. Diego Tagliabue says:

    E per il NORD-EURO!

    Stanchi di pagare per i debiti dei PIGS!

  5. Dan says:

    Se fallisce l’euro al massimo chiude una tipografia

  6. Longobard says:

    Loss von Euro!!…..

Leave a Comment