/

Almirante no e Togliatti sì

TOGLIATTIdi MARIO DI MAIO – Non credo proprio che Almirante si meriti una strada dedicata visto che era noto più in sartoria per i suoi doppiopetto che in parlamento per la sua lungimirante strategia politica. Ma una riflessione sulla proposta della Meloni va fatta. Perché a partire dal primissimo dopoguerra, per ragioni puramente elettorali, è comparso il “politicamente corretto “che progressivamente è cresciuto fino a raggiungere le dimensioni attuali. Era prevedibile che i politici non appartenenti all ‘area antifascista avrebbero avuto vita dura, ma la contrapposta beatificazione di personaggi anche negativi continua tuttora. Non è il caso di Pannella, simbolo della non violenza, ma la intitolazione di strade o piazze a Togliatti è paragonabile a quella di un “padre della Patria”. È stato responsabile dell’eliminazione anche di molti compagni di partito, perfino in Russia, ma nessuno si è mai sognato di mandarlo a processo.

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Beh, non vogliono la dx perche’ ha fatto tanti morti, e’ il male; la sx, invece, pure e quindi pari sono. O no..?
    Anzi, forse, la SX ne ha fatti molti di piu’… ma si sa, in sx pensiero, c’e’ sempre un motivo per dire che la sx e’ buona e dolce mentre la dx fa schifo e basta: fa solo morti.
    Tuttavia, la SX oggi, che sta muovendo masse verso l’Europa con i necessari morti ovviamente, e’ meglio o peggio della DX di Adolf..?
    Se sapeva che bastava far invadere l’Europa con grandi masse di morti di fame senza colpo ferire la avrebbe conquistata: come stanno facendo i SXtri.
    E’ una gran bella mossa quella di mandare avanti donne, vecchi e bambini, disarmati. Anzi. Armati di solo desideri.
    E noi non possiamo avere gli stessi desideri..? Vivere in pace e con dignita’..?
    Avevamo costruito, lavorando per i piu’, una societa’ vivibile. Oggi, leggendo i fatti, non si e’ piu’ tranquilli anche perche’ i nostri governanti (che dovrebbero rappresentare il nostro pensiero) ci tradiscono.
    Da candidati ci promettono mari e monti, una volta eletti: si girano dall’altra parte e curano gli interessi degli INVASORI.
    Chiamarli traditori e’ il minimo… e, in tempo di guerra questi che tradivano o collaboravano col nemico venivano fucilati sul posto senza tanto pensarci su due volte. Oggi stanno facendo buoni affari. Beh, si, non tutti ma alcuni si.
    Bella trovata quella dell’invasione a mani nude.
    Scappano dalle guerre..? Giustificati quelli che fanno parte della categoria debole (donne, vecchi e bambini) gli altri in eta’ guerriera dovrebbero rimanere li’ per fare come i nostri partigiani e tentare col nostro aiuto la loro liberazione. O no..?
    Va ben, tanto ormai e’ troppo tardi per fare certi ragionamenti.
    Salam

  2. Giusta osservazione. Purtroppo da mosca bianca. E ciò spiega perché la destra e il centro-destra, fatte salve le rarissime eccezioni, abbia sempre dovuto piegarsi alla prepotenza dei comunisti italiani.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Europa, quel mercato libero nato col saio, finito in mano ai banchieri e al burqa

Articolo successivo

Se fossimo diventati austriaci, non sarebbe passato lo straniero