All’Europarlamento: sì a Risoluzione di Venezia, approvata dalla Regione Veneto. Legittimo dichiarare l’autodeterminazione in modo unilaterale

LOGO POLO

di LUCA POLO –  ICEC al Parlamento Europeo: la Risoluzione 27 del Parlamento Veneto diventa un atto politico internazionale che afferma la legalità del processo unilaterale di autodeterminazione.

Il simposio organizzato al parlamento Europeo congiuntamente da diversi gruppi parlamentari europei e da ICEC, la piattaforma sociale internazionale per l’esercizio del diritto all’autodeterminazione in Europa, ha chiuso i lavori con la sottoscrizione della “Resolution of Venice”, ovvero con la sottoscrizione internazionale della Risoluzione 27 del 29 novembre 2016 del Parlamento Veneto, presentata dal Segretario del Consiglio Regionale e capogruppo di “Siamo Veneto” Antonio Guadagnini.

11J pic 1

La risoluzione afferma la “legittimità dell’unilateralità” del processo di autodeterminazione. Ecco l’atto internazionale di chiusura dei lavori del 2° Simposio ICEC al parlamento europeo:

 We therefore recognize that whenever the exercise of the universal right of Self-determination is rejected by the state institutions, citizens and nations of Europe can do and should do the only possible thing: unilaterally exercise through their representative democratic parliaments this right that is configured by its nature in the international law framework” Venice, 2016 November 29th

(“Riconosciamo pertanto che ogni volta che l’esercizio del diritto universale di autodeterminazione sia negato dalle istituzioni statali, i cittadini e i popoli d’Europa possano e debbano fare l’unica cosa possibile: esercitare unilateralmente – attraverso i loro democratici parlamenti – tale diritto, che si configura per propria natura nel quadro giuridico internazionale” Venezia, 29 novembre, 2016).11J pic 3

Il 2° Simposio ICEC al Parlamento Europeo, sponsorizzato dai gruppi parlamentari EFA (European Free Alliance), ECR (European Conservatives and Reformists Group), GUE/NGL (European United Left), ALDE (Alliance Liberals Democratis for Europe) ha visto la partecipazione di circa trecento delegati internazionali.

ICEC inoltre, che è stato responsabile di 100 osservatori internazionali per il referendum autogestito catalano del 9 novembre 2014, ha lanciato la campagna internazionale per sostenere il referendum che ha già pronte 350 personalità provenienti da tutto il mondo per agire come osservatori internazionali.

 poster low

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

8 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Ma non e’ finita cosi’: MAGARI!

    Sempre per dire come girava e gira e girera’ la giostra.

    Ricorderete vero che la Cecoslovacchia si e’ divisa in due stati..?

    Ebbene, avete, per caso ne’, sentito o letto qualcosa con tanta enfasi o con tanto casino, per esempio ne’, come nell’elezione del Trump o della BREXIT. E sulla Le Pen?
    Ovviamente e dell’altro tanto quanto il fatto della SEPARAZIONE o divorzio in CEKOSLOVACKIA..?
    Oggi ci sono due stati ed e’ passato tutto in un fragoroso silenzio: come mai, o come sempre..??
    Poi si parla di stampa libera di cui il suo potere: FALSO!
    I poteri dello stato italia sono, ma no: UNO E INDIVISIBILE..!
    La BANDA DEI QUATTRO (io insisto a chiamarla in causa) e’ un unicum solo che da camaleonte quale e’ sa mimetizzarsi bene. Anzi. Benissimo.

    Dice lui: …pote manifestare, fare i gredini e duddo guando, che noi facciamo quello che dobbiamo fare… grazie e buon giorno. Si, da SOTTOMESSI.

    Ormai, notarlo per favore, siamo governati dagli ISLAFRITALIANI e loro collaboratori con l’aiuto della MANCINA e della ROCCO (Sinsinfredi). Aggiungiamo la bassanina e siamo a posto con la benedizione dell’uomo “polare” (vestito di bianco…?).

    E, tuttavia, l’intellighenzia nostrana continua a DORMIRE IGNORANTEMENTE..!
    Lo so, ci vorrebbe un uomo tipo ma anti Garibaldi… poi un altro tipo ma anti Mazzini e poi cosi’ fino all’anti re savoia…
    Non menzioniamo un anti Napolion III…

    Pero’ appena cominciano a parlare della carta piu’ bella del mondo dicono che ci sono tre poteri che il popolo (inventatoall’uopo) italiano e’ chiamato ad esercitare: campa cavallo del west.
    Ripeto: il potere in stato amministrativo, politico e culturale di nome italia e’ uno solo.
    Certo che ce la raccontano in altra maniera ma, i fatti, parlano e smentiscono questi appartenenti alla banda dei quattro anche senza saperlo di esserlo.
    L’ ingarbugliamento e’ molto forte tanto che per rimuoverlo ci vorranno tanti DISINCANTATI soprattutto e purtroppo tempo.
    In primis bisogna DISINCANTARSI o se volete SVEGLIARSI, ma non dalla parte sbagliata.

    Oggi leggo certi titoli nei quotidiani talibani, altre nefaste info, a proposito degli ISLAFRITALIANI.

    Si, credo di si. Ci vuole il ritorno della GILLETTE CADENTE.
    E’ dura a dirlo e chiedo scusa se tocco le vostre anime ma e’ senz’altro l’unico rimedio alla stretta finale sull’INVASIONE DELLA NOSTRA TERRA.

    Per caso aspettiamo il COLPO FINALE..??
    Non si vede che a parlarne non sortisce a nulla..? Anzi. Fanno i collaborazionisti.
    Eppoi, e’ servito andare a votare..??

    Nerofigo (batte Ad kul nostrum) ce le canta e noi li’ fermi e testa bassa a lavorare e a pagare: CONTINUARE A SOCCOMBERE.
    Anzi, ci fa godere, divertire perche’ le verita’ spesso fanno male ma a volte fanno ridere.

    An salam

  2. giancarlo says:

    Sono d’accordo con Luigi Bandiera.
    Siamo nell’era degli inganni a fine di lucro e di scopo.
    Guadagnini pur con pochi voti è riuscito ad entrare nelle istituzioni italiane.
    PER ME QUESTO NON E’ ESALTANTE MA ADIRITTURA DEPRIMENTE.
    Un vero indipendentista non può mettersi con il “nemico”.
    Ciò nonostante è importante che il Veneto e la sua bandiera sia presente in questo ICEC.
    Se poi chi lo rappresenta non ha un grande seguito in questo momento, si può fare………
    L’importante adesso è essere rappresentati, il poi si vedrà.
    Il fuoco dell’indipendentismo è ancora acceso….e c’è chi tiene gli occhi e le orecchie ben aperte!!!
    WSM

  3. Castagno 12 says:

    FINALMENTE un commento concreto e realistico di LUIGI BANDIERA.
    Il simposio del Parlamento europeo – ISTITUZIONE PRIVA DI POTERE DECISIONALE.- indca le dimensioni della BUFALA inutilmente concepita da Lorsignori, a titolo precauzionale.
    Si tratta di un accorgimento superfluo perchè il popolo veneto ha SOLO chiesto e aspetta, ma non intende fare alcuna azione concreta che possa creare problemi al Sistema..
    Anzi, il popolo sostiene giornalmente questo Sistema del quale si lamenta.

  4. luigi bandiera says:

    Sicuramente una notizia del genere fa colpo nelle nostre menti, ma ocio, memore di altre esperienze, dico: siamo sicuri che in Europa si voglia la democrazia?
    Siamo sicuri di essere dalla parte dei giusti se assecondiamo questi risultati?

    So una cosa: se il nemico non lo puoi battere fatelo amico.

    Per spegnere il fuoco dell’indipendentismo se le inventano tutte ne’…

    Una potrebbe essere il dare ragione, per ora, agli indipendentisti, cosi’ si raffreddano un po’, per poi riunire le forze e annientarli.

    Diffido da questi grandi demokratici all’europa maniera.
    Furono o no quelli a distruggerci..? Non dite che i tempi sono cambiati…

    Adesso, come in Libia, Egitto, Iraq e via discorrendo, sono tutti o quasi per noi..?
    Oggi le rivoluzioni le fanno dopo che hanno il governo pronto da rimpiazzare.
    E’ come col fare le leggi: TROVATO L’INGANNO, FATTA LA LEGGE.
    Non invento mai nulla come al solito.

    Ora bisogna stare molto piu’ attenti per non continuare a SOCCOMBERE con la nostra espressione di voto, da sempre fa vincere il BANCO se volete la BANDA DEI QUATTRO.

    Tuttavia, il nostro futuro e’ nelle nostre mani, da SEMPRE per tutti gli appunti.
    Sim sala bim.

  5. FIL DE FER says:

    Mi pare di capire che in Europa si sta lavorando a favore dei Popoli senza nazione.
    Finalmente qualcosa di positivo e concreto a livello internazionale.
    Adesso mi chiedo solo una cosa. Avranno capito finalmente i vari movimenti o gruppi indipendentisti Veneti che solo uniti si potrà aver un seguito Popolare tipo Catalogna e quindi avere la forza necessaria per convincere e quindi guadagnarsi l’indipendenza ???
    Per chi volesse liberarsi del sistema italia da subito consiglio di andare a vedere il sito: http://www.popolounico.org
    Ciò riguarda l’applicazione dei diritti dell’uomo. E’ da leggere e vedere in varie parti, quindi serve un po’ di tempo per capirci qualcosa. Ma, alla fine è illuminante !!!
    W SAN MARCO SEMPRE

  6. Lucio Manfrin says:

    Guadagnini dia dimissioni subito. Non rappresenta nessuno. Siamo Veneto = non esiste.

  7. giancarlo says:

    Questo è un’importante passo verso la libertà.
    Era tempo che qualcuno andasse in Europa a perorare la causa Veneta, peccato che come sempre si va per vie traverse o diverse e mai tutti uniti.
    Circa Plebiscito.eu pur riconoscendo l’importane lavoro fatto, non capisco come mai in Europa ci siano altri e non proprio loro che hanno un risultato in mano da far valere in sedi internazionali.
    Forse che Plebiscito.eu fa parte anch’esso dell’ ICEC ?? Non credo.
    In ogni modo poiché a me personalmente interessa l’indipendenza del Veneto, a questo punto chiunque sia in grado di rappresentare i Veneti in maniera incisiva e determinante per essere riconosciuti ed appoggiati nelle nostre istanze e rivendicazioni è sempre il BENVENUTOOOOOOOO!!!!
    WSM

  8. caterina says:

    Beh, a questo punto la Corte di Strasburgo non potra’ non approvare il ricorso presentato da Plebiscito.eu dopo il risultato del referendum autogestito dal Popolo Veneto nel marzo 2014!… presto saremo Indipendenti e non piu’ ‘schiavi di Roma’ come ci fanno cantare con l’elmo di scipio in testa!… e il giogo al collo!

Leave a Comment