Alessandria in fallimento: senza stipendio 2 mila dipendenti pubblici

di REDAZIONE

L’altra sera la popolazione è scesa in piazza, ma il fatto è che un capoluogo di provincia come Alessandria, già dichiarata in dissesto finanziario, cioè in fallimento, adesso non può più pagare gli stipendi di circa duemila fra dipendenti comunali e delle società partecipate. E’ questo l’ultimo frutto di un debito di circa 200 milioni di euro, accumulato negli anni perché il Comune ne incassava 90 all’anno e ne spendeva 120. Finché la corda si è spezzata.

Clicca di fianco per leggere l’articolo del Corriere della Sera: Alessandria in fallimento

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

5 Comments

  1. Franco says:

    Sarebbe ora di identificare chi ha firmato i provvedimenti che hanno generato i debiti,perseguirli civilmente e penalmente ma soprattutto confiscare loro tutto ciò che posseggono fino all’azzeramento del debito.Non è poi così difficile,mi propongo,a titolo completamente gratuito,per effettuare questa operazione di “risanamento” !

  2. Trasea Peto says:

    Per Alessandria non sono troppe 2000 persone da mantenere?

    • Gian says:

      direi proprio di si, direi che ne hanno assunti troppi e per coerenza come non mi sta bene che si gonfino gli organici in sicilia, non mi sta bene che accada neppure ad alessandria!

  3. Lavoratore Italiano says:

    “desso non può più pagare gli stipendi di circa duemila fra dipendenti comunali e delle società partecipate.”

    se ne accorgono adesso… al sud ci sono provincie che non pagano stipendi da 8-10 mesi e nessuno dice niente

  4. sciadurel says:

    ovviamente i RESPONSABILI di questo debito NON verranno mai perseguiti perchè sono politici professionisti e funzionari dell’apparato pubblico …

    adesso apro subito una ditta e inizio a fare 30 milioni di debito all’anno, così vediamo se la legge, nella rep.delle banane, è uguale per tutti

Leave a Comment