Aja, la prima sentenza contro colui che reclutava bambini-soldato

di REDAZIONE

Il Tribunale Penale Internazionale dell’Aja ha consegnato al mondo la sua prima sentenza nei suoi 10 anni di lavoro: una condanna a 14 anni di carcere all’ex ‘signore della guerra’ congolese Thomas Lubanga, che tra il 2002 e 2003 recluto’ migliaia di bambini per trasformarli in macchine da combattimento. Si tratta della prima condanna pronunciata dal tribunale dell’Aja, ‘battezzato’ nel 1998 a Roma per creare un sistema di giustizia internazionale che punisse e scoraggiasse i crimini piu’ orrendi, ma accusato di muoversi troppo lentamente e con scarsa efficienza. Finora le condanne di corti internazionali per crimini di guerra e contro l’umanita’ erano state pronunciate solo da tribunali legati a specifici conflitti, come quello per la ex Jugoslavia.

Lubanga era a capo delle milizie dell’Unione dei Patrioti Congolesi durante il conflitto etnico scoppiato nella regione di Ituri (parte nord-orientale della Repubblica Democratica del Congo, RDCongo) durante la guerra civile congolese: un conflitto etnico tra hema e lendu per il controllo delle miniere d’oro della regione che costo’ la vita, secondo le associazioni a tutela dei diritti umani, a 60mila civili; eppure solo un conflitto localizzato rispetto alla piu’ ampia guerra nella RDCongo che ha causato qualcosa come 5 milioni di morti (la gran parte per inedia e malattia). E’ una vicenda, quella di Lubanga, strettamente collegata con le attuali violenze nella RDCongo, dove il generale Bosco Ntaganda, un tempo tra i piu’ stretti aiutanti di Lubanga e oggi alla guida di un gruppo di ribelli chiamati M23, e’ accusato degli stessi crimini di Lubanga stesso. Lubanga rapiva dalle case, dalle scuole, dai campi di gioco, bambini e bambine anche con meno di 15 anni (in qualche caso addirittura undicenni) e li faceva portare nei campi d’addestramento dove, picchiati e drogati, venivano costretti a combattere e uccidere; le femmine erano sfruttate come schiave sessuali per i ribelli agli ordini dello stesso Lubanga.

Durante il processo, la Corte ha ascoltato un’ampia rassegna degli abusi fisici e sessuali a cui venivano costretti i bambini-soldato; ha sentito raccontare come Lubanga andasse nelle case a chiedere di donare qualcosa per lo sforzo bellico: contanti, una mucca o un bambino per il suo esercito ribelle. Una sua piccola vittima, portata dinanzi alla Corte, quando si e’ trovato di fronte al suo carnefice s’e’ ammutolita e non ha potuto testimoniare.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. maurizio ratti says:

    Non ho elementi per emettere verdetti contro Lubanga per carenze informative sui fatti. Immagino che sia un delinquente come tanti la cui peggior colpa sarà stata quella di schierarsi localmente contro gli interessi minerari U.S.A. e come sempre accade in queste circostanze, i movimenti di liberazione diventano le bande armate, il governo diventa il regime, il patriota diventa il terrorista.
    Che poi esista un tribunale internazionale penale a l’Aja che si arroghi il diritto di dispensare condanne in nome della giustizia è veramente scandaloso. Quando vedrò salire tra i banchi degli imputati Hascim Taci, Alija Izetbegovic, Mahinda Rajapaksa, o gli autori dei massacri di Falluija, Sabra el Shatila e Gaza, solo allora potrò ritenerlo degno di un minimo di credibilità. Il tribunale dovrebbe trasferirsi a Washington così da acclarare manifestamente che emette sentenze americane gabellate per sentenze della comunità internazionale.

  2. elpayaso says:

    Ora mancano soltanto le condanne di Bush, Blair, Aznar e Berlusconi.

  3. Entità sempre vigile says:

    Sono specchietti per le allodole..che siete voi signori. Lo stesso e successo con le torture ad Abu Ghraib dove finivano in galera solo i poveri subordinati che eseguivano ordini ed erano sacrificabili a piacimento.

    E giustizia mediatica per mettere l’idea del male sconfitto dal bene…non è così sono pubblicità dove sacrificano gli sguatteri…no sapete neanche chi sia il titolare che sta dietro molto in alto nella PIRAMIDE..

    Sono atti mediatici per raccogliere consensi e buonismo per gli eventi futuri..state in campana e aprite gli occhi…vedrete il male ad un palmo dal vostro naso come non lo avevate mai visto..

Leave a Comment