Addio Lega, non è più Nord. Salvini cambia tutto prima del voto siciliano. Se va male, ha già cambiato il simbolo

TRAMONTO DELLA LEGA NORDdi BENEDETTA BAIOCCHI –  Ha giocato d’anticipo, prima delle regionali siciliane. Metti vadano male, chi lo appoggerà poi caldamente di cambiare il  simbolo della Lega? E così, Salvini anticipa i tempi e in un consiglio federale allineato con lui – e chi va in dissenso con le liste elettorali da fare? – fa passare l’addio al Nord. La Lega perde il pezzo fondativo, la sua origine, lascia la questione settentrionale, sposa quella nazionale, meridionale e diventa Lega. Ecco le dichiarazioni del segretario federale, anzi no, nazionale: “La LEGA ha ambizioni di governo a livello nazionale avrà un unico simbolo e si presenterà come LEGA(senza più Nord, ndr) in tutti i collegi e in tutte le città d’Italia. Su questo il Consiglio federale è assolutamente d’accordo”. A dirlo è stato nel tardo pomeriggio del 27 ottobre il segretario del Carroccio Matteo Salvini, intervistato a margine del vertice di partito tenutosi in via Bellerio a Milano. “Abbiamo esaminato la situazione politica ed è assolutamente positiva- dice sull’incontro- che la LEGA si chiamerà LEGA mi sembra chiaro da mesi, su questo 65 milioni di italiani penso che non vedano l’ora di votare”, chiosa Salvini.

E poi… aggiunge: “Sono tre anni che la Lega si batte a livello nazionale per trasformare l’Italia in un Paese federale – ha proseguito – quindi, contiamo di essere l’unica forza politica in Europa del gruppo dei cosidetti populisti che andra’ al governo nei prossimi mesi”. foto 4

Rileggiamo: “sono tre anni”. Forse voleva dire 30 anni.  Fortuna che Umberto Bossi fu ministro per le riforme e il federalismo. Era qualche anno fa, con passaggio del testimone a Calderoli. Ma fa niente. Salvini ha spiegato che il cambiamento riguardera’ il simbolo, il contrassegno elettorale. Cambierà anche il nome del partito? “Non ci sarà un congresso federale – ha risposto, facendo riferimento al passaggio obbligatorio per cambiare il nome del Movimento – non possiamo andare a congresso quattro mesi. All’ultimo congresso la mia politica è passata con piu’ dell’80 per cento dei voti e la linea era assolutamente chiara”.

E il dissenso interno? Pollice verso della minoranza. “Io sicuramente non sono d’accordo e, per quanto ne so, nemmeno Umberto Bossi è d’accordo”, afferma l’assessore lombardo Gianni Fava, che sui temi ‘nordisti’ aveva sfidato Salvini alle primarie per la segreteria. “Voglio chiarire però che vanno distinti i livelli perché si sta creando confusione – aggiunge Fava-. La Lega nord non cambia nome, per fare ciò sarebbe necessario un congresso federale. Salvini ha detto che cambierà il contrassegno elettorale”.

Ah ecco… Non è successo niente, è solo il simbolo sulla scheda. Va beh dai, passiamo alla prossima…

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Riccardo Pozzi says:

    Un atto di chiarezza. Forse l’unico fatto da questo segretario.

  2. lombardi-cerri says:

    Più che il dolor potè la cadrega…….

  3. Gianluca says:

    Requiem…. Anche la Lega NORD è finita….. Con essa anche le ultime briciole di speranza di raddrizzare sto paese…. Purtroppo anche loro si sono dimostrati solo attaccati alla potenziale poltrona 🙁

  4. marco says:

    E continuate a raccontare le scorribande di quel traditore. Dovrebbe essere messo all’indice per aver distrutto un movimento autonomista.

Leave a Comment