A PONTIDA IL PANZANELLA PARTY PRO ITALIA

CIVITA CASTELLANA- Il Panzanella Party scuote l’Italia del Nord in nome dell’Unità d’Italia. L’idea del geniale signor Ireo Giovagnoli di Civita Castellana è semplice quanto efficace: organizzare un pranzo a Pontida (cuore della Lega Nord in provincia di Bergamo), per risvegliare l’orgoglio nazionale. E qual è il piatto più adatto a questa patriottica iniziativa se non la famosa panzanella? “ Si tratta di  un tipico piatto toscano e dell’Italia centrale- spiega Ireo Giovagnoli-  che racchiude i principali colori della bandiera d’Italia. La ricetta tradizionale, infatti, utilizza come ingredienti base: pane bianco raffermo, verde e aromatico basilico e pomodoro crudo, dall’intenso colore rosso.

Una perfetta pietanza tricolore. Quando verrà allestito il pranzo a Pontida,come acqua per inzuppare il pane – specifica il pensionato civitonico – utilizzeremo la preziosa e casta acqua delle sorgenti del Monviso che annualmente Bossi utilizza per quella ridicola cerimonia: il rito dell’ampolla”.Il Panzanella Party vuole rappresentare un’iniziativa spiritosa che intende ribattere, con animo goliardico ma fiero, alle continue provocazioni che i leghisti e in particolar modo il loro indiscusso leader storico, Umberto bossi, continuamente rivolge ai “ terroni italiani”. “ Bossi ha detto- continua Giovagnoli- che nel Centro-Italia non sanno che Pontida esiste. Noi invece lo sappiamo bene e andremo proprio là a testimoniare la nostra italianità con un piatto decorato con una vignetta satirica sull’argomento”.

Il pranzo-provocazione verrà organizzato un mese prima delle prossime elezioni politiche al fine di ricordare a tutti i leghisti che “ la Lega Nord, se far parte e intende rimanere nell’ambito del Parlamento Nazionale, deve rinunciare a tutti i suoi atteggiamenti anti-italiani ed essere rispettosa di tutti coloro che hanno dato al vita per raggiungere l’Unità d’Italia”. Come abbiamo detto la simpatica e civile iniziativa di Ireo Giovagnoli si è diffusa rapidamente in un tutto il Nord, suscitando numerosi commenti e reazioni sia a livello di mass-media che di opinione pubblica.

“Chi condividerà la nostra iniziativa – conclude il signor Giovagnoli – dimostrerà che la Padania non esiste”. E’ probabile che al pranzo del Panzanella Party  parteciperanno in molti, non solo quelli che si recheranno a Pontida con uno o più pullman provenienti dal Centro-Italia , ma anche tanti nordisti che non amano sventolare i fazzoletti verdi”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. chì ‘l vosàa pussè la vaca lè sua !

  2. Domenico says:

    purtroppo sono i padani che non esistono

Leave a Comment