A Londra si riunisce il Bilderberg, ci sono anche Monti e la Gruber!

di CHRIS WILTON

Questa settimana al Grove Hotel di Londra, si terrà l’annuale riunione del Bilderberg Group, la consorteria internazionale che da più parti viene vista come una sorta di super-governo mondiale in grado di prendere decisioni politiche, finanziarie, economiche e militari che normalmente spetterebbero ai governi sovrani. O, quantomeno, di influenzarle parecchio. Non entro nel merito, mi limito a offrirvi la lista completa dei partecipanti, tra cui anche alcuni italiani. Certo, c’è Lilli Gruber – non la conosco ma da come me ne ha parlato il direttore, capisco che faccia ridere e non deponga a favore della pericolosità del Bilderberg Group – ma ci sono anche altri vostri connazionali, alcuni al centro di battaglie strategiche di questi giorni. Valutate voi. E, magari, un domani chiedete conto di certe decisioni.

Chairman:

Henri de Castries, Chairman and CEO, AXA Group

Paul M. Achleitner, Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG

Josef Ackermann, Chairman of the Board, Zurich Insurance Group Ltd

Marcus Agius, Former Chairman, Barclays plc

Helen Alexander, Chairman, UBM plc

Roger C. Altman, Executive Chairman, Evercore Partners

Matti Apunen, Director, Finnish Business and Policy Forum EVA

Susan Athey, Professor of Economics, Stanford Graduate School of Business

Asli Aydintasbas, Columnist, Milliyet Newspaper

Ali Babacan, Turkish Deputy Prime Minister for Economic and Financial Affairs

Ed Balls, Shadow Chancellor of the Exchequer

Francisco Pinto Balsemão, Chairman and CEO, IMPRESA

Nicolas Barré, Managing Editor, Les Echos

José Manuel Barroso, President, European Commission

Nicolas Baverez, Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP

Olivier de Bavinchove, Commander, Eurocorps

John Bell, Regius Professor of Medicine, University of Oxford

Franco Bernabè, Chairman and CEO, Telecom Italia S.p.A.

Jeff Bezos, Founder and CEO, Amazon.com

Carl Bildt, Swedish Minister for Foreign Affairs

Anders Borg, Swedish Minister for Finance

Jean François van Boxmeer, CEO, Heineken Svein

Richard Brandtzæg, President and CEO, Norsk Hydro ASA

Oscar Bronner, Publisher, Der Standard Medienwelt

Peter Carrington, Former Honorary Chairman, Bilderberg Meetings

Juan Luis Cebrián, Executive Chairman, Grupo PRISA

Edmund Clark, President and CEO, TD Bank Group

Kenneth Clarke, Cabinet Minister

Bjarne Corydon, Danish Minister of Finance

Sherard Cowper-Coles, Business Development Director, International, BAE Systems plc

Enrico Cucchiani, CEO, Intesa Sanpaolo SpA

Etienne Davignon, Belgian Minister of State; Former Chairman, Bilderberg Meetings

Ian Davis, Senior Partner Emeritus, McKinsey & Company

Robbert H. Dijkgraaf, Director and Leon Levy Professor, Institute for Advanced Study

Haluk Dinçer, President, Retail and Insurance Group, Sabanci Holding A.S.

Robert Dudley, Group Chief Executive, BP plc

Nicholas N. Eberstadt, Henry Wendt Chair in Political Economy, American Enterprise Institute

Espen Barth Eide, Norwegian Minister of Foreign Affairs

Börje Ekholm, President and CEO, Investor AB

Thomas Enders, CEO, EADS

J. Michael Evans, Vice Chairman, Goldman Sachs & Co.

Ulrik Federspiel, Executive Vice President, Haldor Topsøe A/S

Martin S.Feldstein, Professor of Economics, Harvard University; President Emeritus, NBER

François Fillon, Former French Prime Minister

Mark C. Fishman, President, Novartis Institutes for BioMedical Research

Douglas J. Flint, Group Chairman, HSBC Holdings plc

Paul Gallagher, Senior Counsel

Timothy F Geithner, Former Secretary of the Treasury

Michael Gfoeller, US Political Consultant

Donald E. Graham, Chairman and CEO, The Washington Post Company

Ulrich Grillo, CEO, Grillo-Werke AG

Lilli Gruber, Journalist – Anchorwoman, La 7 TV

Luis de Guindos, Spanish Minister of Economy and Competitiveness

Stuart Gulliver, Group Chief Executive, HSBC Holdings plc

Felix Gutzwiller, Member of the Swiss Council of States

Victor Halberstadt, Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary General of Bilderberg Meetings

Olli Heinonen, Senior Fellow, Belfer Center for Science and International Affairs, Harvard Kennedy School of Government

Simon Henry, CFO, Royal Dutch Shell plc

Paul Hermelin, Chairman and CEO, Capgemini Group

Pablo Isla, Chairman and CEO, Inditex Group

Kenneth M. Jacobs, Chairman and CEO, Lazard

James A. Johnson, Chairman, Johnson Capital Partners

Thomas J. Jordan, Chairman of the Governing Board, Swiss National Bank

Vernon E. Jordan, Jr., Managing Director, Lazard Freres & Co. LLC

Robert D. Kaplan, Chief Geopolitical Analyst, Stratfor

Alex Karp, Founder and CEO, Palantir Technologies

John Kerr, Independent Member, House of Lords

Henry A. Kissinger, Chairman, Kissinger Associates, Inc.

Klaus Kleinfeld, Chairman and CEO, Alcoa

Klaas H.W. Knot, President, De Nederlandsche Bank

Mustafa V Koç,. Chairman, Koç Holding A.S.

Roland Koch, CEO, Bilfinger SE

Henry R. Kravis, Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.

Marie-Josée Kravis, Senior Fellow and Vice Chair, Hudson Institute

André Kudelski, Chairman and CEO, Kudelski Group

Ulysses Kyriacopoulos, Chairman, S&B Industrial Minerals S.A.

Christine Lagarde, Managing Director, International Monetary Fund

J. Kurt Lauk, Chairman of the Economic Council to the CDU, Berlin

Lawrence Lessig, Roy L. Furman Professor of Law and Leadership, Harvard Law School

Thomas Leysen, Chairman of the Board of Directors, KBC Group

Christian Lindner, Party Leader, Free Democratic Party (FDP NRW)

Stefan Löfven, Party Leader, Social Democratic Party (SAP)

Peter Löscher, President and CEO, Siemens AG

Peter Mandelson, Chairman, Global Counsel; Chairman, Lazard International

Jessica T. Mathews, President, Carnegie Endowment for International Peace

Frank McKenna, Chair, Brookfield Asset Management

John Micklethwait, Editor-in-Chief, The Economist

Thierry de Montbrial, President, French Institute for International Relations

Mario Monti, Former Italian Prime Minister

Craig J. Mundie, Senior Advisor to the CEO, Microsoft Corporation

Alberto Nagel, CEO, Mediobanca

H.R.H. Princess Beatrix of The Netherlands

Andrew Y.Ng, Co-Founder, Coursera

Jorma Ollila, Chairman, Royal Dutch Shell, plc

David Omand, Visiting Professor, King’s College London

George Osborne, Chancellor of the Exchequer

Emanuele Ottolenghi, Senior Fellow, Foundation for Defense of Democracies

Soli Özel, Senior Lecturer, Kadir Has University; Columnist, Habertürk Newspaper

Alexis Papahelas, Executive Editor, Kathimerini Newspaper

Safak Pavey, Turkish MP

Valérie Pécresse, French MP

Richard N. Perle, Resident Fellow, American Enterprise Institute

David H. Petraeus, General, U.S. Army (Retired)

Paulo Portas, Portugal Minister of State and Foreign Affairs

J. Robert S Prichard, Chair, Torys LLP

Viviane Reding, Vice President and Commissioner for Justice, Fundamental Rights and Citizenship, European Commission

Heather M. Reisman, CEO, Indigo Books & Music Inc.

Hélène Rey, Professor of Economics, London Business School

Simon Robertson, Partner, Robertson Robey Associates LLP; Deputy Chairman, HSBC Holdings

Gianfelice Rocca, Chairman,Techint Group

Jacek Rostowski, Minister of Finance and Deputy Prime Minister

Robert E. Rubin, Co-Chairman, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury

Mark Rutte, Dutch Prime Minister

Andreas Schieder, Austrian State Secretary of Finance

Eric E. Schmidt, Executive Chairman, Google Inc.

Rudolf Scholten, Member of the Board of Executive Directors, Oesterreichische Kontrollbank AG

António José Seguro, Secretary General, Portuguese Socialist Party

Jean-Dominique Senard, CEO, Michelin Group

Kristin Skogen Lund, Director General, Confederation of Norwegian Enterprise

Anne-Marie Slaughter, Bert G. Kerstetter ’66 University Professor of Politics and International Affairs, Princeton University

Peter D. Sutherland, Chairman, Goldman Sachs International

Martin Taylor, Former Chairman, Syngenta AG

Tidjane Thiam, Group CEO, Prudential plc

Peter A. Thiel, President, Thiel Capital

Craig B. Thompson, President and CEO, Memorial Sloan-Kettering Cancer Center

Jakob Haldor Topsøe, Partner, AMBROX Capital A/S

Jutta Urpilainen, Finnish Minister of Finance

Daniel L. Vasella, Honorary Chairman, Novartis AG

Peter R. Voser, CEO, Royal Dutch Shell plc

Brad Wall, Premier of Saskatchewan Province, Canada

Jacob Wallenberg, Chairman, Investor AB

Kevin Warsh, Distinguished Visiting Fellow, The Hoover Institution, Stanford University

Galen G.Weston, Executive Chairman, Loblaw Companies Limited

Baroness Williams of Crosby, Member, House of Lords

Martin H. Wolf, Chief Economics Commentator, The Financial Times

James D. Wolfensohn, Chairman and CEO, Wolfensohn and Company

David Wright, Vice Chairman, Barclays plc

Robert B. Zoellick, Distinguished Visiting Fellow, Peterson Institute for International Economics

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

23 Comments

  1. Pippi says:

    Puah!!!

  2. Albert1 says:

    Alle gentili partecipanti sarà consentito di spararsi un botox di mantenimento, tra un piano di conqvista di mondo e l’altro?

  3. Maurizio says:

    Ladies and Gentleman, the New World Order , full roster.

  4. max says:

    La Gruber è stata invitata per dei servizi orali visto le labbra che ha….per fortuna la rossa del tirolo,non incontrerà al ricevimento Berlusconi.
    Sarà una gioia per la Bocassini altrimenti avrebbe indagato il summit per mafia,ecco forse la mafia si riunisce proprio in quei giorni.

  5. max says:

    Il libro di Estulin lo letto alcuni anni fa,molto interessante racconta alcuni particolari su queste riunioni.L’andamento economico e anche politico dell’europa e del mondo riflette quello che viene deciso da questi signori.L’Italia da quello che risulta è sempre stata rappresentata Agnelli,Pesenti,Rocca,Bernabè,Monti,Letta (presidente del consiglio)la Bonino, poi giornalisti De Bortoli,ed altri ancora di cui non ricordo devo prendere il libro per vedere i nomi,ci sono tutti i ladri ed evasori di Stato più i loro protettori politici ,più i loro tromboni dei giornali che sono ancora di loro proprietà.La cosa strana è che questi giornalisti della cippa raccontano ogni cazzatta,ma di queste riunioni non raccontano mai nulla,paura direi di si.Si dice che una delle prove tangibili sui programmi del mondo e di come lo vedono questi minchioni sia il film “Una poltrona per due”dove un negro povero e ignorante può prendere il posto di un bianco laureato ad Harvard,ricco e bello.L’unico nordista che ha rotto le palle è stato Borghezio,a differenza degli altri che chiacchierano e basta e si è preso anche un sacco di legnate.

  6. Silvia says:

    Ma no, che maligni che siete…si stanno solamente riunendo per decidere cosa è bene per noi. Sono dei filantropi e poi c’è la Gruber che ci ragguaglierà su tutto, che bisogno c’è di assistere alle loro riunioni?. Stiamo dunque tranquilli…

  7. lory says:

    ma la Gruber politicamente vale meno di niente, è una che si ruffianata a Monti .

  8. Sarebbe utile conoscere l’ordine del giorno della riunione.

  9. Albert Nextein says:

    Un bel gruppone di mestatori.
    Di cui il mondo , ed è certo, non ha necessità.
    Giocano a chi comanda.
    Insieme pensano di contare qualcosa.
    Presi ognuno singolarmente sono degli zero.
    E anche vigliacchi.

  10. pippogigi says:

    La Turchia ha inviato un certo Ali Babacan (è il decimo nome a partire dall’alto).
    Indovinate chi ha mandato i 40 ladronican? ma l’Italia ovviamente…..

  11. silvano polo says:

    Sto leggendo il libro di Daniel Estulin “Il Club Bilderberg” che è colui che ha spiegato, più di chiunque altro, l’origine e la ragione di questo “club” e mi ha molto sorpreso la sua “Prefazione all’edizione aggiornata” – datata 7 novembre 2011 – perchè individua la genesi storica di questa organizzazione nella Repubblica di Venezia. Ma ciò che più mi ha colpito sono state alcune frasi (giudizi) che ha riferito sulla nostra antica patria, affermazioni tutte negative e oserei dire, addirittura, offensive. Infatti ha scritto “Nobiltà nera veneziana” …. “la malvagia Venezia” …. “Venezia operava aggressivamente per distruggere tutti i sistemi e le forze che la ostacolavano” …. “Siamo nel 1509.Venezia è la nemica dell’intera razza umana” …. “i principali poteri cristiani … si allearono contro Venezia per distruggere quel rapace nemico della civiltà”… “Dal momento che la nobiltà veneziana e i suoi figli batardi oligarchici in tutta Europa si sono impegnati per un governo imperiale oligarchico mondiale, quella era letteralmente una catastrofe apocalittica” … “Eppure il mondo non avrebbe smesso di crescere, progredire e svilupparsi….un’idea insostenibile per Venezia” … “I nobili veneziani si sono resi conto che la distruzione della domanda era l’unica opzione disponibile per salvare la civiltà umana industrializzata e hanno distrutto l’economia dall’interno, intenzionalmente… Hanno proclamato la fine del progresso scientifico mediante la società post-industriale e la crescita zero.” …. “Per i membri del Bilderberg, figli bastardi, della nobiltà veneziana” … “Oggi l’idea dei nobili veneziani e dei loro rappresentanti del gruppo Bilderberg consiste nella distruzione dell’ideale degli stati nazione repubblicani con il relativo progresso economico e scientifico, le costituzioni e il benessere generale mediante la brutale soppressione del potere creativo della ragione…”
    MI astengo da ogni ulteriore commento (ci vorrebbe una tavola rotonda e ore di discussione), ma ci tengo a dire che non ho letto quali elementi storici, economici, giuridici, di persone e fatti, sarebbero a sostegno di queste “opinioni” di Estulin.
    Mi sembrerebbe un buon “tema” da approfondire su questo (nostro) giornale.

    • Leonardo says:

      Interessante! Grazie

    • Cantone Nordovest says:

      Molto interessante , anche per me !

      Poi , è chiaro , il link ideologica con Venezia sarà ormai obliterato e chissà chi lo conosce (io non ne sapevo nulla) , e del Bilderberg si può dire tutto il male possibile .. ma senza lasciarci prendere per il naso dai complottisti !

      I quali complottisti , come tutti , hanno pure loro i propri obiettivi dove vogliono andare a parare : ad esempio creare un PARAFULMINE IDEOLOGICO – utile a distrarre la pubblica opinione dalle proprie responsabilità , sia di governo che di opposizione

      http://www.cantonenordovest.wordpress.com
      ,

    • molto interessante ed illuminante, da approfondire.

    • Xanten says:

      L’ho letto un paio di volte, secondo me insieme ad alcune cose molto interessanti e condivisibili ce ne sono alcune paranoiche e senza alcun senso, un risotto di opinioni senza alcun supporto di fatti. Senza contare il fatto che Estulin scrive con i piedi, continua a saltare di palo in frasca e la cosa mi fa incazzare. Però è anche l’unico libro in circolazione che ci permette di dare una occhiata da vicino a questa Spectre e cominciare a farsene un’idea.

      • Dan says:

        Ma allora tanto vale un libro di Adam Kadmon. Se uno vuole capirci qualcosa non può permettersi di dare corda ad un tizio che s’immagina nobiltà nere tra l’altro impegnate a darsi la zappa sui piedi.

        Comunque alla fine non c’è molto da capire: è un club di tizi che tirano le fila dell’economia e che cercano di volta in volta di raggiungere il livello successivo per quanto riguarda le possibilità di allargare la propria influenza.

        Attualmente il loro piano consiste nel trovare (e fino adesso gli è pure riuscito) qualche coglione che paghi le loro speculazioni.

        Fino quando noi tutti ce ne staremo buoni ad aspettare che qualcuno venga a darci l’esempio assisteremo ad un eterno ripetersi di cicli economici basati esclusivamente su bolle, stampa di nuovo denaro, infine maggiori tasse ed inflazione.
        Fino a quando ci saranno posti nel mondo dove esportare la nostra carta straccia e fare un po’ di guerre, qui vivacchieremo poi…

  12. Xanten says:

    Non è una novità per quanto riguarda la Gruber, anche la precedente riunione era stata invitata.

  13. Cantone Nordovest says:

    Il che dimostra che Bildeberg è una associazione segreta quanto alle discussioni (che sono a porte chiuse : per consentire la libertà di espressione senza la remora di poter sconvolgere equilibri politici o finanziari o semplicemente la chiusura giornaliera di Borsa) – ma assolutamente trasparente quanto ai partecipanti alle riunioni

    http://www.cantonenordovest.wordpress.com

  14. Dan says:

    Non c’è un solo nome di un tizio che abbia mai lavorato sul serio in vita sua.

    O parolai della tv, o manager della roba altrui (del resto se fosse la loro sarebbero giocare all’impiccato) o ancora economisti col culo ben saldato su qualche greppia.

    E poi ci dicono che il baffetto sbagliava a voler fare fuori gli “inutili” ? Ha solamente sbagliato mira ma il concetto c’era tutto…

  15. Riccardo says:

    Bastardi, anche stavolta non mi hanno chiamato. Ma io non pago più la tessera…

Leave a Comment