A differenza di Bergoglio, Papa Urbano avrebbe rimpatriato i migranti

urbano secondodi MARIO DI MAIO – La prima grande indulgenza plenaria è stata proclamata nel 1095 in occasione della prima crociata da papa Urbano secondo, che concesse “la remissione dei peccati immediata per i morti in battaglia contro gli infedeli ” e anche durante il viaggio. Piaccia o no, si tratta di un premio in “moneta soprannaturale” per la partecipazione a una guerra indipendentemente dall’esito. Segno evidente che i nemici vanno amati come comandato e quindi perdonati, ma quando danneggiano vanno fermati. Viceversa occorre dimostrare che papa Urbano non era un buon cristiano o sano di mente.

Noi non abbiamo nessun obbligo di costruire ponti verso i paesi islamici ad eccezione di Siria e Irak dove c’è guerra tra mussulmani. Ma in casa nostra continuano a sbarcare centinaia di migliaia di nordafricani in a caccia di un lavoro che non c’è e che possono tranquillamente delinquere certi di un’impunita’ che a casa loro non c’è. Una volta salvati dai naufragi, vanno immediatamente rimpatriati anche perché gli altri paesi europei chiudono le frontiere, incuranti dei comici richiami di Renzi.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    coi soldi che costano qui, da noi o in Europa, li possiamo aiutare là da dove sono partiti, e facciamoglielo sapere via internet, dato che sono tutti riforniti di telefonini e smartphon… li vediamo in giro nei parchi, posate le loro biciclette, seduti nei viali, tutti a smanettare…e sanno sicuramente più lingue: la loro, quella dei loro ex occupanti e la nostra…
    anche Bergoglio dovrebbe darsi da fare il questo senso…in fondo ha banche anche lui in giro per il mondo… sennò ridiamogli lo stato pontificio se il Vaticano gli sta stretto e che se la veda lui! attiverebbe lui sì tutti i contatti che ha in giro per il mondo… e però lasci perdere di predicare l’accoglienza attraverso tutti i suoi ministri nelle nostre chiese… chi vuol fare opere buone occasioni ne ha a bizzeffe nei propri paesi, e sempre di più dato il disinteresse di uno Stato fallito…

Leave a Comment