9 dicembre, Chiavegato: “Passiamo all’attacco, disobbedienza fiscale”!

di LUCIO CHIAVEGATO

Dopo un mese trascorso nei Presidi di fortuna, per i Patrioti la pazienza e’ finita! Ad uno Stato fallito e vampiro non verseremo  un centesimo! Elemosinare qualche intervento ad un governo di sciuscia’ dei banksters usurai e curatori fallimentari è inutile, passiamo all’attacco

Per decisione del FMI e della BC€ lo stato italiano e’ stato dichiarato fallito  nel settembre 2011. Tasse, imposte e balzelli vari servono esclusivamente per arricchire i banchieri usurai e garantire maxi prebende e vitalizi faraonici alla casta politicante e ai super burocrati di stato. Lo stato italiano ha un debito pubblico pari a 2100 miliardi. Ogni anno paghiamo circa novanta miliardi di €uro.

Con lo sciagurato MES imposto dalla U€-BC€ e inserito nella costituzione da tutta la partitocrazia collusa e traditrice degli interessi nazionali, il Popolo Italiano dovrà versare per il prossimo ventennio ulteriori 48 miliardi all’anno a partire dal 2014. L’Italia e’ il maggiore contribuente del piano salva stati-banche della zona €uro. Il Popolo d’Italia ha  versato sessanta miliardi. Con questi miliardi le banche private dell’€uro-zona finanzieranno privati stranieri l’acquisto dell’asset strategico nazionale. Tipico esempio Telecom. Il Banco central de España finanzia Telefonica per l’acquisto di Telecom. Ora sarà la volta di Finmeccanica, Eni, Enel ecc. Il ministro Saccomanni ha elargito sette miliardi per ricapitalizzare BANKITALIA s.p.a. in mano a privati UNICREDIT e Banca Intesa-San Paolo potranno vendere le loro quote a banche straniere. Che fine ha fatto. la riserva aurea di Bankitalia, propriteta’ del Popolo Italiano?

Da oggi scattera’ la “DISOBBEDIENZA FISCALE”. unica arma di legittima difesa del Popolo. Una massiccia campagna mediatica informerà la popolazione stremata. Forniremo le indicazioni in merito. Con riferimento all’art. 53 della Costituzione: “Ogni cittadino e’ tenuto a contribuire alle spese dello Stato in base alla propria capacità contributiva”. Noi rispetteremo e applicheremo la Costituzione. La casta politicante di nominati delle lobbyes finanziarie e del malaffare è tutta illegittima, in base alla sentenza della Corte costituzionale. Tutti i D.L. emanati dai governi Monti e Letta, inerenti a nuove tasse e aumenti di balzelli come l’Iva e le accise, sono pertanto da ritenersi illegittimi. Sono un furto nei confronti del Popolo Italiano.

Tutti i politicanti, nominati e illegittimi, si dimettano e si uniscano come semplici cittadini alla legittima Lotta di Liberazione del Popolo d’Italia. Pretendiamo di far rispettare la Sovranita’ Popolare.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

26 Comments

  1. Riccardo Pozzi says:

    Molto bene Lucio. Costituire una squadra di fiscalisti e avvocati tributaristi per predisporre le azioni da moltiplicare. Avvocati e commercialisti sanno bene dove sono le pieghe del sistema in cui infilare decine di migliaia di comportamenti almeno ostruzionistici per non dire border-line.
    Non vedo l’ora di vedere le prime proposte e fare proselitismo. Prima però vorrei ascoltarle, senza disfattismo ma neanche ingenuità.

  2. michela verdi says:

    Lotta di liberazione dei POPOLI ITALIANI. Non dell’Italia, che non esiste! Ma ognuno deve pensare a sè stesso, magari appoggiandosi agli altri. Altrimenti è già finita. Protesta fiscale sì, ma solo se indipendentista.

  3. Mi a go stima de Luço (Lucio) e provo par lù on senso de fradernetà.
    Ło considero n’omo onesto e leal, capiso ke ‘l se cata drento eventi-movimenti pì grandi de lù ke nol se spetava e nol se somexava e ke el ga da çercar de tegner anseme tuto par poder darghe on dreso justo a łe robe.
    Mi ke no go so łe spałe sta responsabełetà e no go da far coadrar ke ła me coerensa personal me poso parmetar de dir coel ke penso e de far łe creteghe ke faso anca par aiar l’amigo Luço a refletar par ben.
    Come ca go xa dito mi na man ła dago (par coel poco ke ła val) ma no contro l’Ouropa e lomè soto łi gonfałoni veneto e ouropeo.
    Se se açeta l’Ouropa e el so gonfalon mi açeto coeło tałian (anca se el me fa oror) ma se se para via l’Ouropa mi da veneto (maltratà da ła Tałia) lomè co ła Tałia e el so tricołor no ghe stago gnanca on secondo.
    A coełi ke no łi se fida mi poso dirghe ke co, pal pasà, anca Luço e altri del LIFE łi se ghe eluxi de canviar łe robe fando on partido veneto e candidandose a łe ełesion, mi no łi go mai votà e ma łi votarò e mai andarò a votar ente na realtà połedega sensa demograsia vera ke xe el stado talian.

  4. Giuseppe d'Aritmaticea says:

    Perché non c’è nessuno di voi a presidiare i caselli autostradali? Non sarebbe forse coerente e logico? Che ve ne frega se l’iniziativa è leghista?

    • Dan says:

      Scusa diamo il senso alle parole. Presidiare ovvero fare cosa ?
      Stare lì come dei coglioni a prendere freddo mentre i promotori dell’iniziativa si guadagnano i loro 3 minuti di celebrità sul tg delle 20 ?
      Se la cosa fosse stata “smontare i caselli e far passare le auto gratis” probabilmente ci sarebbe molta più gente.

      • Matteo says:

        Bene Dan, allora prego, tu e gli altri indipendentisti-duri-e-puri-e-comunque-più-degli-altri andate a smontare i caselli autostradali.
        Semplicemente siamo tutti – e dico SIAMO – rivoluzionari da tastiera. Purtroppo.

  5. Trasea Peto says:

    me despiaxe, el me gera anca in sinpatia a mi, ma se el ga inamente l’italia e popolo italiano, italia e popolo italiano e desso el se mete parfin far discorsi da gomplottista eora no ghe semo proprio

    • Caro Traxea almanco Luço el ghe meta la faça, ti e tanti altri no si boni e no ghì el corajo gnanca de metar el vostro nome e cognome so coel ke scrivì.

      Penseve valtri ke difarensa de degnetà omana ke ghè tra valtri anonemi e xente ke se da da far come Luço.

  6. Terenzio Varrone says:

    Chiavegato e i Forconi siciliani sono una chiavica!

    Come sempre, alle buffonate mediatiche non c’è mai fine e tutto si svolge come da copione: “Costituzione”, “Diritti” e “politicamente corretto” … tutta ARIA FRITTA alla “VOLEMOSE BENE” .

    Solo buffonate da regime, annunci altisonanti buoni per gli imbecilli, proclami di “attori” consumati che all’atto pratico si sciolgono come neve al sole.

    Quel movimento – 9 dicembre – sembrava qualcosa di diverso, sembrava una rivoluzione sociale che abbracciava tutti gli strati della società, nessuno escluso, da Nord a Sud .

    Ma, come d’incanto, quando si è pensato di andare a ROMA e chiudere la partita, l’ala Nord di Chiavegato e l’ala Sud dei forconi siciliani, si sono dissociate facendo fallire tutto e ridicolizzando un intero movimento di gente che aveva passato le notti al freddo, svegli e digiunando, perchè credeva che avrebbe scritto la parola FINE ad una storia di soprusi, di terrorismo di Stato e svendita della sovranità.

    Chiavegato & C, più che portare la rivoluzione nella casa del potere, nella CLOACA romana, nei postriboli dei partiti, ha preferito andare in piazza s. Pietro per ascoltare lo “stregone bianco” e tranquillizzare il potere romano delle associazioni a delinquere chiamate PARTITI, che nulla sarebbe accaduto e che tutto sarebbe rimasto come prima nel più stretto rispetto dell’ordine, del loro ordine, quell’ordine dettato dai PARTITI, dai delinquenti di STATO e dai loro lacchè , compreso Chiavegato che ha SABOTATO il MOVIMENTO facendolo rientrare nell’alveo della “normalità” , la normalità che tanto piace ai partiti e che permette loro di fare quello che vogliono investendo solo 30 DENARI!

    Quando si va in guerra si va per combattere e distruggere il NEMICO, senza esclusione di colpi, senza ripensamenti e consapevoli che si può anche MORIRE, altrimenti è meglio rimanere a casa .

    I disegni politici dei due attori – Chiavegato e FORCONI siciliani – è quantomeno ambiguo e sicuramente mira al loro ingresso nella CLOACA ROMANA per sistemarsi e imparare a fare quello che RAZZI e SCILIPOTI già fanno .

    Avevano avuto un’opportunità grande, quella di dare una spallata allo Stato decrepito e delegittimato, a quello Stato che loro ritengono fatto di “FEUDATARI NOMINATI” dal re , ma che a dicembre hanno salvato, disertando piazza del popolo e andando a piazza s.Pietro, sabotando e tradendo il movimento…VIGLIACCHI!

    Cosa Farà Chiavegato quando si presenteranno gli ufficiali giudiziari per chi non pagherà ? Sarà presente, contemporaneamente, col suo movimento in mille posti diversi? Avvierà mille opposizioni in nome del libro dei sogni chiamato “Costituzione”? … BUFFONATE IN STILE SALOTTI BORGHESI E PARTITOCRATICI, e da rivoluzione dei “boy scout” della parrocchia “fate bene fratelli” o del santuario del “divino amore” …tutte cose stomachevoli!

    Prima di non pagare, bisogna disarticolare il potere, lo Stato, svuotandolo di ogni contenuto operativo, giuridico, etico e morale, contrapponendogli una nuova organizzazione della società in alternativa alla sua organizzazione, alle sue istituzioni, alle sue leggi … no si doveva andare in piazza s. Pietro, si doveva andare alla camera dei deputati, al senato della repubblica, al Quirinale e buttare fuori tutti, a calci nel culo e schiaffi in faccia !

    Ma, purtroppo, siamo in italia, quella italia che produce rivoluzioni a metà e che puntualmente lascia le cose peggio di prima perché nessuna delle teste che avrebbero dovuto decapitare, sono state decapitate, anzi, si rafforzano attraverso una verniciata di facciata e una nuova sigla, inneggiando alla “democrazia”, alla loro democrazia fatta di prostitute e bordelli … e tutto ricomincia come prima e peggio di prima, magari intensificando eventi sportivi, programmi televisivi demenziali, pettegolezzi e falsi problemi come i matrimoni gay, dispensando a tutti FESTE, FARINA e, quando serve, FORCA, attivando a protezione dello Stato i “servitori” dello Stato, i solerti “REALI CARABINIERI” e gli SBIRRI agli ordini dei PREFETTI … quello che facevano gli imperatori romani 2000 anni fa con i Giochi Gladiatori, i Pretoriani e le Legioni !

    Il movimento 9 dicembre, più che un’operazione atta a cacciare i “mercanti dal tempio”, è stata un’operazione “gattopardesca” e truffaldina che ha garantito la visibilità mediatica di certi individui per fini spudoratamente utilitaristici e personali, salvando il potere e ponendosi come interlocutori privilegiati alla MASANIELLO, dando in pasto allo Stato tutta quella gente che, scesa in piazza, si è ritrovata con un pugno di mosche nelle mani e immersa più di prima nelle malsane paludi del porcile italia … altro che rivoluzione!

    Cari INDIPENDENTISTI, non aspettate ancora: occupate un territorio, anche piccolo, e PROCLAMATE UNILATERALMENTE la nascita di uno Stato INDIPENDENTE con propria moneta, con proprio ordinamento federale, con propria milizia armata e con proprie istituzione in grado di presentarsi di fronte al resto d’italia, e al mondo, come STATO VERO e non barzelletta leghista alla BOSSI! Lo fecero gli ebrei nel 1948 … perché non può farlo una parte del Veneto o una parte della Lombardia oggi ? La vita è oggi, e viverla da protagonisti è meglio che viverla da sciacalli e avvoltoi, cibandosi di carogne, permettendo all’italia dei PARTITI di ingozzarsi a spese di altri che puntualmente pagano il conto per i loro baccanali !

    • Dan says:

      Semplicemente parole sante

      • Unione Cisalpina says:

        se fossi un avvokato indipendentista (non solo di una città ma anke e soprattutto in un kualsiasi paesetto o villaggio cisalpino), darei subito il via ad una kualke class action antitributaria di stampo autonomista, parlando kiaro ai miei koncittadini e prospettando loro, oltre ke ai kosti da sostenere, le azioni legali “kumulative” di rivalsa e difesa ke, tutti assieme, prenderemmo x tutelarci effikacemente sia individualmente nelle nostre persone ke a salvaguardia del nostro stesso patrimonio o proprietà (pikkolo e modesto ke sia), in previsione della reazione vessatoria ed intimidatoria del mafioso feudatario italiko roman_borboniko, ke vogliamo estromettere e diskonoscere nella sua vigenza, potere ed autorità impositiva antidemokratika ed antisociale …

        … pensate kuante kose si possono fare ke non fanno -nè hanno fatto in oltre 20 anni- kuesti inetti kontafrottole ed imbtroglioni di leghisti ballerini al soldo dei Boss Manolesta e/o italioti …

  7. LUIGI says:

    Complimenti a PENTO ALBERTO, concordo con ti.
    Ti communico che esiste L’INTERPELLO, informate ed usalo: te scoprirè che l’italia non esiste e che quindi non te gà da pagar nessuna tassa. Ma i servizi Si’ . WSM.

  8. Dan says:

    >> Tutti i D.L. emanati dai governi Monti e Letta, inerenti a nuove tasse e aumenti di balzelli come l’Iva e le accise, sono pertanto da ritenersi illegittimi. Sono un furto nei confronti del Popolo Italiano.

    Perchè le tasse precedenti sono invece corrette ?
    Gli studi di settore ovvero “spendiamo a cazzo, facciamo la media del pollo e ci inventiamo quanto TU guadagni” sono stati introdotti agli inizi degli anni 90.
    Se proprio si vuole parlare di illegittimità fiscale si deve far correre indietro l’orologio di circa un ventennio.

  9. Albert Nextein says:

    D’accordo.
    Io , individualmente, già lo faccio.
    Non capisco però Chiavegato quando afferma di voler rispettare i dettami della costituzione.
    Sarà il caso che chi fa lotte libertarie di autodifesa , come mi pare sia quella ispirata da Chiavegato, inizi a non rispettare le norme illiberali e liberticide contenute appunto nella costituzione postbellica .
    La progressività che origina , appunto , da questa costituzione , è un abominio assoluto.

    Inoltre c’è un pezzo da novanta libertario che sta lottando , da solo, per la rimozione del sostituto d’imposta come Fidenato che dovrebbe insegnare qualcosa a chi vuole davvero opporsi all’oppressione fiscale e burocratica che strozza dipendenti e aziende.
    Fidenato può insegnare molto.
    Tecnicamente in particolar modo.

    Personalmente io la costituzione non la ritengo una stella polare.
    Le leggi che ne discendono , idem.
    In ogni caso , per la rivolta fiscale io sono già in mezzo al guado.

  10. Lucio el ga scrito

    …Per decisione del FMI e della BC€ lo stato italiano e’ stato dichiarato fallito nel settembre 2011. Tasse, imposte e balzelli vari servono esclusivamente per arricchire i banchieri usurai e garantire maxi prebende e vitalizi faraonici alla casta politicante e ai super burocrati di stato. Lo stato italiano ha un debito pubblico pari a 2100 miliardi. Ogni anno paghiamo circa novanta miliardi di €uro…

    So coesto a so d’acordo anca mi.

    …Con lo sciagurato MES imposto dalla U€-BC€ e inserito nella costituzione da tutta la partitocrazia collusa e traditrice degli interessi nazionali, il Popolo Italiano dovrà versare per il prossimo ventennio ulteriori 48 miliardi all’anno a partire dal 2014. L’Italia e’ il maggiore contribuente del piano salva stati-banche della zona €uro. Il Popolo d’Italia ha versato sessanta miliardi. Con questi miliardi le banche private dell’€uro-zona finanzieranno privati stranieri l’acquisto dell’asset strategico nazionale. Tipico esempio Telecom. Il Banco central de España finanzia Telefonica per l’acquisto di Telecom. Ora sarà la volta di Finmeccanica, Eni, Enel ecc. Il ministro Saccomanni ha elargito sette miliardi per ricapitalizzare BANKITALIA s.p.a. in mano a privati UNICREDIT e Banca Intesa-San Paolo potranno vendere le loro quote a banche straniere. Che fine ha fatto. la riserva aurea di Bankitalia, propriteta’ del Popolo Italiano?…

    So coesto no so par gnente d’acordo :

    1) li mali de l’ara talega li xe tuti taliani; la globalixasione l’Ouropa li li ga mesi en luxe e li ga fato si ke la Talia la sipia costrenxesta a metar ma a le so robarie, a li so parasidi, a le malefate, a le dexgràsie tute taleghe, nasionaliste, romane e amva meridionali.

    2) l’espresion “popolo d’Italia” la me fa skifo!

    3) l’Ouropa no xe estaro e li ouropei no li xe foresti, par mi li xe pì foresti e estari li taliani;

    Caro Lucio
    a te sovegno ke te si Presidente de la LIFE
    e ke LIFE vol dir
    Liberi Imprenditori Federalisti Europei
    e ke entel gonfalon de la LIFE ghe xe la bandera ouropea
    no sta rinegarla!

    ]http://www.filarveneto.eu/wp-content/uploads/2013/11/lucio-LIFE-176×300.jpg
    http://www.filarveneto.eu/wp-content/uploads/2013/11/lucio-LIFE.jpg

    http://www.life.it/chi-siamo
    STATUTO LIFE
    SEZIONE I – NORME GENERALI
    ART. 1 DENOMINAZIONE
    E’ costituita l’Associazione denominata LIFE.
    LIBERI IMPRENDITORI FEDERALISTI EUROPEI che non ha scopo di lucro , è assolutamente apartitica e si richiama ai principi del liberismo e del federalismo, [b]per un’economia non assistita e fortemente orientata all’Europa.

    4) provo oror par tuto sto nasionaleixmo talian ke da co xe stà fato el stado talian, ente l’800, par naltri veneti lè stà na fonte enfenida de dexgràsie, traxedie e malani;

    5) me despiaxe ma mi no ghe stago a doprar l’Ouropa cofà cavro espiadoro par li mali tuti taliani;

    6) se tute ste axiende taliani le finise en man a li todeski mi saria pì ke contento parké le funsionaria mejo e li so servisi e prodoti li costaria tanto manco.

    7) el conio o la stanpa de li skei li xe senpre stà en man al prinçepe e a ki ke jestise el stado-el poder e mai al povolo!

    Mi amo la me tera veneta e l’Ouropa (drento l’ouropa a ghè anca la penixla talega) e no amo par gnente el stado talian e el so nasionaleixmo.

    Mi stago co la speransa ouropea e a so contro li ladri e li sasini taliani.
    Al fronte contro el stado talian e li ladri taliani a ghe vegno ma no so con ti contro l’Ouropa e li nostri fradei ouropei.

    Ciao, n’abràço fraderno veneto e ouropeo, kel diavolo el se toga Roma capital, el stado talian co tute le so dexgràsie e tuti li nasionalisti taliani ke a l’onbra del tricolor li ne ga ciucià e li ne ciucia el sangoe!

    • So ła soranetà povolar (de tuti łi çitadini) a so d’acordo ma en sesno de na democrasia direta come coeła xvisara e de n’Ouropa federal dei popołi e dei cantoni come coeła xvisara; on stado nasionałista e çentrałista come coeło tałian lè la morte de ła soranetà povołar, de ła pora xente, de coełi ke se sfanta de laoro e de naltri veneti.

      La soranetà monedara ła xe na consegoensa de ła soranetà povolar, se el povoło o tuti łi çitadini łi deventa łi paroni, łi siori del stado ‘lora łi xe paroni anca de ‘l conio e de ła stanpa de łi skei o monea.
      Ma esar paroni del stado e de łi skei no vol dir esar łibari de stanpar skei e de far debiti a piaxemento a spexe de łi altri e de tuti o d evivar sensa laorar e sensa pagar łi debeti.

      El problema de łe banke łè on problema antropołojego (anca de morałetà o etega) ma anca de vera soranetà, de vera demograsia endoe ke se pol farghe łi conti en scarseła a tuti e endove ke łi responsabełi e łi ladri łi paga tuti (e gnente biłançi sconti, segretà, falsefegà de sinacai, partidi, banke, SpA, enti pioveghi, …) … entel Stado Talian łe banke łe jera corote xa da ła so fondasion, el primo gran ladro łè stà el Savoia co el scandało de ła Banca de Roma.

      Ben vegna ła sonanedà povolar federal ouropea!

      Banke robarie e depredasion taleghe
      https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnRLQEo4YVhMVWdBUXRFSTA/edit

    • ermanno says:

      giusto, sta roba del ‘popolo italiano’e dele bandiere ai presidi fa proporio gira i zebedei

      • Veneto Nasion says:

        Ma no vergogneło mia Chiavegato scrivar ste casade?
        Da cuando xe che saria on popoło ‘Talian?
        A ghe xe on sciapo de popułi italeghi che I xe sarà su rento inte ła gałera de ło Stato Talian.
        Che tuti sti popułi I staga małe el se vede ogni dí.
        Ma no sta Chiavegato vegner contar che el debito Talian a ło paga tuti i popułi italeghi parchè no xe vero.
        El debito ło ga fato I popułi sarà rento inte ło stato Talian che i gà el residuo fiscal pasivo e lo ga pagà i popułi sarà rento inte ło stato Talian che i ga el residuo fiscal ativo.
        El Veneto in 10 ani el xe stà rapinà da el Stato Talian de 20 miliardi sichi ogni ano e cioè de 200 miliardi.
        El Veneto nol ga mai fato debito Talian come che ben se capise visto ch’el ga on residuo fiscal ativo.
        El Veneto el ga cognesto anca pagar i intaresi sol debito fato dal stato Talian che I xe, par cuota parte, 9 miliardi par ano. In 10 ani el Veneto el ga pagà 90 miliardi de intaresi pal debito fato da i altri.
        Cuesta ła xe ła verità Chiavegato e ti te ła conosi ben!
        Come xe che te fè star co chi che mostra łe bandiere taliane?!
        Come xe Che te fè star con chi che te sventola I paveij de la morte, de la ingiustisia, de la persecusio, de łe guere, de łe umiliasion Che tuti a gavemio patio da cuando ca semo sta ocupai da lo stato Talian intel 1866?
        Par fortuna ca ghe xe l’europa che ło te sgnaca intel must la verità!
        Ła xe l’Europa che ła be salva e ło xe la Talia che ła be sasina!
        Svejate Chiavegato. Descantate fora! No sta farte ciavar da el Stato Talian.

        • Ghe xe on fracon de parsone ke no sa coel ke savemo naltri e ke xe convinta de la bonansa del tricolor e de l’esar taliani, come par somexo li me veci xenidori de 90 ani;
          ma ghè anca tanti xovani en bona fede

          e xe co tuto sto mondo ke l’amigo Luço lè drio far i conti par ndarghe d’acordo e ver la forsa del conbatar el xmarso ke ghè ente la Talia.

          Come endependentisti a ghemo visto ke le forse le xe pokete e la potensa de far anca, prasiò trovar na mexasion no xe mal.

          Coelo ke mi no trovo sensà lè el ndarghe contro l’Ouropa e no darghe spasio a la bandera ouropea.

          El tricolor se pol anca açetarlo (par creansa a colei ke on bona fede li ghe crede) però anseme al gonfalon veneto e al vesilo ouropeo (ke el ga da esar aòetà tanto coanto coelo talian, par creansa vesro coeli ke ghe crede).

          Se se descremena la bandera ouropea e se va contro l’Ouropa se perde toki e no se va da gnaona parte.

          Drento la bandera de la LIFE ghe anca coela ouropea, però no basta, cogna ke el vesilo de la speransa e de la fradernetà ouropea el xventole alto come la bandera veneta, anseme al tricoloe par coeli ke li ghe crede.

          • Trasea Peto says:

            Se el Life o Lucio và drento el fosso ti ghe veto drio?
            Ma sito rivà a farte ndar ben parfin el tricolor, l’orenda canta mamelega, li sasini de Cristo, etc pur de ndarghe drio a dea zente?
            Mi pensavo ke al de sora de tuto te metesi le idee, le to idee, invese te meti dee persone. Le persone se zbalia, le idee no.

            • Te si n’omo sensa grasia e sensa nome.
              Mi so LIFE come Luço e so anca pì vecio de Luço, e come ca te pol lexar a so cretego però capiso anca robe ke ti, omo sensa grasia e sensa nome, par ke no te capisi.
              Le eidee le xe parte de la realtà no le sta sora e gnanca soto le xe drento la realtà come l’anema, el spirto el sangoe.
              Fame el piaser no sta pensar par mi ke par mi ghe basta e ghin vansa el me pensiero, omo sensa nome.
              Ke eidee porlo gaer n’omo sensa nome e co poca grasia?
              Omo sensa nome e sensa grasia, anca me pare e me mare li se sentiva taliani, gonti forse da reinegarli e da maltratarli?

              Sta pur çerto ke mi no me also en pie e gnanca me meto so l’atenti co sento l’orenda canta mamelega o davanti el tricolor e al contraro de ti a go on nome e on cognome e digo la mia sensa temansia … ti me par ke te gapi calke problemo ente sto senso.

              Te darò pì credeto co te te prexentare co nome e cognome e no cofà on spetro, drio na tenda.

  11. En pì del no pagar le enposte par ki ke no pol
    e
    de pagar en retardo par ki ke pol

    li laoradori paroni o datori de laoro, d’acordo co li laoradori dipendenti, li podaria scuminsiar a partegar o praticar [b]l’obiesion de cosiensa e la dexobediensa al “sostituo d’enposta”[/b] e li laoradori datori de laoro o paroni anvense de versarghe li skei al stado li ghe li dà en busta al laorador dependente ke cusì el se cataria coalke skeeto en pì en scarsela.
    Se ghe fuse tante enprexe-axiende ke co on pato de fero tra laoradori paroni e laoradori dependenti li praticase sta dexobediensa, la saria come na crepa so na diga ke en coatro e coatro oto la se xlargaria fina a ke no la vien xo tuta.

    [b]La bataja de Fidenato contro el sostituo d’enposta[/b]
    http://www.leoniblog.it/2010/04/01/fidenato-per-ora-non-ce-lha-fatta-eppure-ha-ragione

Leave a Comment