8 LUGLIO 1809, anniversario dell’insorgenza veneta, “Le done de Loria, accordate con quele de Besega, le a desfà la municipalità”

1809 LORIAdi ETTORE BEGGIATO – L’insorgenza veneta del 1809 è sistematicamente ignorata dalla storiografia “ufficiale”,  visto che gli storici del regime parlano di “briganti” o di “straccioni”: nessuna sorpresa per la verità, è tutta la nostra storia veneta che viene sistematicamente nascosta o mistificata.

Napoleone aveva portato il Veneto tutto in condizioni di miseria e disperazione come mai nella nostra storia, imponendo la coscrizione obbligatoria  e una serie di tasse pesantissime (pensiamo a quella sul macinato, vera e propria tassa sulla fame).

Il nostro popolo reagì con particolare vigore, al suono della campana a martello: i francesi, in nome della libertà, dell’eguaglianza e della fraternità, riportarono l’ordine con centinaia e centinaia di morti.

Particolarmente interessante è un passo del diario di Pietro Basso, sartor di Asolo nel giorno 8 luglio 1809:

“Le done se Loria, accordate con quele de Besega, le a desfà la municipalità”; siamo in provincia di Treviso ma tutto il Veneto stava per insorgere contro Napoleone.

Una pagina, quella del 1809, che meriterebbe di essere conosciuta dal popolo veneto; mancò una figura leggendaria come il tirolese Andreas Hofer che guidasse il nostro popolo, e mancò anche chi, come il grande pittore spagnolo Francisco Goya tramandasse ai posteri l’eroismo di chi lottava per la propria libertà e contro i crimini dell’occupante napoleonico.

 ETTORE BEGGIATO

Autore di

“1809: l’insorgenza veneta.

La lotta contro Napoleone nella Terra di San Marco”

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Ecco i temi veri da far suonare agli smemorati locali e agli imbreaghi di perbenismo !
    Gli invasori spesso sono usciti dalla porta e rientrati dalla finestra ( Europa ) grazie agli amici parassiti che hanno imbragato rintronati popoli ai loro progetti criminosi e ai loro desiderata mafiosi .
    Adesso con immigrazione ed invasione ed attentati islamici i loro confini tendono a proteggere ed a respingere , mentre noi ancora subiamo la protervia della razza che col nome Italia ci sottomette ; state pur certi che questi non se ne vanno , molto più facile che ci facciano” smammare “da casa nostra espropriata con tasse e rapine .
    Ergo , forconi e simili devono comparire più spesso fino a dare il colpo di grazia per la libertà.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

PARLA 'ME TE MÀJET parliamo lombardo per riscoprire chi siamo

Articolo successivo

Partiti e sondaggi un tanto al chilo, quell'ubriacatura per nascondere il Paese reale e celebrare i politici fannulloni