Il programma della Festa indipendentista domani e domenica a Cogne

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Cogne 2012, FESTA INDIPENDENTISTA

Sabato 15: arrivo partecipanti

 

ore 16,00-18,00 – Cogne: ritrovo Sala Congressi Comune di Cogne –   rue Bourgeois

visita guidata al Centro visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso Villaggio Minatori e Museo, possibilità di incontro con ex minatori, Maison De Cogne Gerard-Dayné, con la presenza del Presidente del Parco Nazionale Gran Paradiso Dr. Italo Cerise

oppure – Introd: visita Parc Animalier d’Introd, Castello d’Introd

ore 20,00: cena Hotel L’Arolla – Cogne, Loc. Lillaz

ore 22,00: Falò della libertà, canti e musiche tradizionali in loc. Lillaz

 

Domenica 16: CONVEGNO

Ore 9,30 Cogne, Sala Congressi Comune di Cogne – rue Bourgeois

Saluti delle Autorità, presentate da Sergio Ferrero:

– Franco Allera Sindaco di Cogne, seguono i saluti degli Eurodeputati, Deputati Nazionali, Consiglieri Regionali, Provinciali e Sindaci.

– ore 10,00 Introduzione, on.Mario Borghezio

Interventi dei rappresentanti dei movimenti autonomisti e indipendentisti: catalani, fiamminghi, sudtirolesi, savoisiens, nizzardi e indipendentisti sarawi.

– ore 11,20 L.Caveri “la Val d’Aosta nell’Europa delle cento bandiere”- – – ore 11,40 A. Mascetti “identità o sradicamento: l’Europa ad un bivio”

– ore 12,00 P. Clayes, europarlamentare “Europa, geopolitica e piccole Patrie”

Moderatore: Gianluca Savoini

– 13,00 pausa pranzo, Ristorante Sant’Orso, Cogne

-ore 15,00 M.Bastoni “la battaglia autonomista per il futuro dei giovani”

– ore 15,20 M.Ferrari “il caso del Kosovo”

– ore 15,40 J.Henriet “la Val d’Aosta, memoria storica delle libertà dei           popoli”

-ore 16,00 A.Rognoni “identità, cultura, arte e patrimonio: i nostri valori da difenfere”

-ore 16,20 on.C.D’amico, OSCE “prospettive future per i popoli europei”

A seguire il dibattito, che non potrà esulare dalle dichiarazione fatte da Borghezio questa settimana: “Il modello e’ il Fronte Polisario, gente che a differenza di noi che siamo dei parolai spara per avere l’indipendenza, gente seria. Esempi positivi da seguire. Loro hanno sparato e ci arriveranno, noi ci facciamo solo le seghe. Saranno anche musulmani ma sono gente seria, che si fa rispettare, gente con i coglioni. Sparano per ottenere l’indipendenza”. Lo dice Mario Borghezio, europarlamentare della Lega Nord, a La Zanzara su Radio24. “Alla Festa indipendentista- dice Borghezio- avremo ospiti la delegazione ufficiale del Polisario. Faranno incazzare chi pensa che siamo una banda di razzisti. E’ gente seria che combatte contro il potere autoritario, come noi”. 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. pippo says:

    Ci Fanno… ci fanno.

  2. guru says:

    poche balle, la lega nord e bossi sono la sola forza che ha fatto approvare in parlamento un cambiamento della costotuzione in sernso federale dello stato.
    Anzi in quella riforma c’era anche il quasi dimezamento dei parlamentari italiani.
    I coglioni che hanno voatato no al referendum confernativo ( chissà perchè non c’è un referendum per la costituzione europea o per l’approvazione del governo imposto antidemocraticamente,da napolitani, governo monti), sono gli stessi coglioni che dovrebbero stare zitti, oppure mettersi loro in gioco e fare meglio.

  3. indy says:

    joe, give me a blow job! Fucking italian fag!

  4. Ferruccio says:

    Dalle mie parti la nuova Lega 2.0 intrallazza con la Destra di Storace…..che è un grande indipendentista !!!

  5. joe says:

    Per non parlare di altri 2 personaggi italianissimi come Rognoni e Ferrari…ma l’Indipendenza non dovrebbe denunciare tutti i casi di abuso della parola “indipendentismo” e biasimare i tentativi degli pseudo-autonomisti di appropriarsi di una etichetta che non è loro? Vi siete già dimenticati cosa è stato sgamato a dire Borghezio a Nizza in Ascenseur pour les fachos ? A proposito è prevista anche la visita degli “indipendentisti” nizzardi…ahahah

  6. joe says:

    Bastoni e Borghezio che erano alla festa della Fiamma Tricolore a luglio sarebbero i nuovi leaders dell’indipendentismo padano? Ma ci fate o ci siete?

Leave a Comment