200 mila lettere del fisco ai contribuenti. Non è cambiato niente

tasse4A partire dalla seconda metà di giugno verranno inviate,  tramite lettera o tramite Pec ,  circa 220 mila lettere (alert) ai contribuenti persone fisiche o titolari di partita iva relativamente a “ presunte “ anomalie riscontrate da parte dell’Agenzia delle Entrate per l’anno di imposta 2012.

Premettiamo subito che non si tratta di avvisi di accertamento,  ma comunicazioni di anomalie emerse da controlli sulle dichiarazioni presentate nel 2013 ,relativamente ai redditi 2012, da parte dell’Agenzia che, se fondate, potranno essere regolarizzate o con la consegna di documenti richiesti o mediante ravvedimento operoso.

Gli errori riscontrati dall’Agenzia delle Entrate potranno riferirsi a :

·         Redditi derivanti  da locazioni di immobili

·         Redditi di lavoro dipendente ed assimilati (tra cui assegni corrisposti al coniuge o ex coniuge)

·         Redditi di partecipazione a società di capitali o di persone comprese imprese familiari

·         Redditi di lavoro occasionale

L’Agenzia ha riscontrato queste anomalie confrontando i dati indicati dai contribuenti nelle dichiarazioni dei redditi e di quelli in possesso dell’agenzia delle Entrate e quelli indicati dal contribuente.

Sottolineiamo che la lettera può arrivare o via posta o tramite Pec, perciò è importante controllare quotidianamente la posta Pec.

Venuti a conoscenza dell’anomalia segnalata dall’Agenzia si potrà operare nei seguenti modi:

–       Inviando all’Agenzia documenti ,dati o  elementi in grado di giustificare la presunta anomalia

–       o  se viene confermato un errore o omissione , ricorrere al ravvedimento operoso per la correzione.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Antonio says:

    Ma se mandassero a casa tutti i parassiti oppure prima di fare i conti agli altri imparassero a lavorare con i calli sulle mani?
    E un sogno. Mio nonno diceva chi nasce mulo e chi nasce per il commercio. Si vede.

  2. giancarlo says:

    E’ vero nula è cambiato !!
    Io ho già ricevuto una cartella di EQUITALIA…..il doppio dell’importo che lo stato mi doveva da oltre 6 anni.
    Avete capito bene……lo stato mi deve dei soldi, me li riconosce dopo svariate mie visite con documenti alla mano all’agenzia delle entrate e dopo 7 anni mi paga l’agosto dello scorso anno.
    Adesso ricevo questa cartella esattoriale del doppio in cui mi si chiade indietro i soldi già ricevuti.
    SONO DEI PAZZI CRIMINALI !!!
    Da tener presente che sono già riuscito ad ottenere dall’Agenzia delle Entrate una specie di sanatoria, ma siccome non lo hanno comunicato ad Equitalia, la stessa ha ricevuto l’ordine di recuperare…….
    Non elenco quanto tempo, soldi e carte ho dovuto perdere e fare per convincerli che era tutto regolare.
    REGOLARE è una parola che lo stato italiano non conosce !! Conosce solo la parola EVASORE.
    Io non sono mai stato un evasore ma oggi spero solo di sgravarmi questo problema ” ROVESCIO” che mi stanno gettando addosso senza alcuna logica né motivo.
    WSM

Leave a Comment