C’è stato anche un due giugno indipendentista

di REDAZIONE

Mentre oggi l’Italia dei Napolitani grondava di festeggiamenti, salutati con favore anche dalla Lega, qualcuno ha pensato di mostrare il suo disappunto per un paese che è stato prima unito con la forza e senza consenso poi, amministrato in maniera belluina da politici centralisti, incapaci e molto spesso ladri.

A Brescia, sulla Milano Novara e a Verona, dove si sono celebrate le “Pasque veronesi”, si è fatta sentire la voce di chi all’Italia non crede, e mai ha creduto, e che oggi chiede con forza il diritto all’autodeterminazione.

P.s. Se qualcuno avesse altre foto da segnalarci, ce le invii in redazione)

BRESCIA (Brescia Patria, FOTO 2) – SULLA MILANO NOVARA (ProLombardia Indipendenza, FOTO 3), VERONA (FOTO 4) – Le nuove foto verranno aggiunte in testa… 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

11 Comments

  1. Luigi. says:

    X la redazione: foto e filmati reperibili (almeno quelle delle Pasque Veronesi 2013) sul profilo Face book di Giacon Luigi (altre su vari altri link)..

  2. indieahn says:

    abbiamo 2000 e passa anni di “civiltà” messaci sul gobbo dalla “gloria di roma” e nel mondo civile si fa i furbi per tirare a campare sperando nel meno peggio e in qualche briciola…..
    Gli indigeni avevano una mentalità diversa e per sopravvivere si sono “convertiti e civilizzati” e voilà il mondo moderno anche in padania che tira a campare senza ideali se non la servile pagnotta!!

  3. Maurizio Ulliana says:

    Più che di stato fallito parlerei di repubblica fallita.

    Non sono la stessa cosa.

  4. caterina says:

    e pensare che il Sud al referendum ha votato per la monarchia, il che aveva una sua logica perchè il Sud è monarchico da sempre avendo avuto nella figura del re il suo elemento unificante delle varie regioni molto caratterizzate e diversificate.
    Che oggi inneggi alla repubblica è normale dal momento che per i Napoletani in senso lato è sinonimo di libertà di fare quello che si vuole, dove nessuno comanda e tutti comandano e soprattutto dove guardando a Roma possono ottenere quello che vuogliono perchè, appunto, in questa nostra repubblica, senza identitè e confusionaria a partire dalla sua nascita e dalla costituzione, regna il tutto e il contrario di tutto…
    Infatti, chi se ne rende conto non vuol più farne parte…

    • Miki says:

      Secondo me non era insci cunscià (il mezzoday) se fosse rimasta la monarchia; anche se il 31-12 passare dal discorso di napoletano a quello di Emanuele FilibeVto non è che rientri appieno nel concetto di “buone notizie”

  5. Per correttezza di informazione nei confronti del giornale e dei suoi lettori, vorrei far notare che la foto in alto a destra si riferisce alla manifestazione di Brescia Patria di un anno fa, 2 giugno 2012, a Brescia. Nella giornata di ieri il ns gruppo ha effettuato un volantinaggio presso il Castello di Brescia.

  6. Dan says:

    Ok da bravi, tra dieci minuti è il 3 giugno, la festa è finita: tornate tutti a piegare la schiena ed a fare la coda per mantenere lo stato nel quale non vi riconoscete.

    • Xanten says:

      Dan, io sinceramente non ti capisco. Ad ogni articolo, manifestazione ecc. continui a rimarcare il fatto che tutto ciò è inutile e via discorrendo. Se per te, e potrei essere anche d’accordo, l’unica via è la lotta armata, perchè invece non entri in clandestinità, metti su il tuo bel gruppo armato e ci fai vedere come si fa?

  7. ankorkè paskue veronesi roman_papaline…dà soddisfazione! speriamo nel kontagio …

Leave a Comment