1995: Maroni fa la fronda a Bossi. 2013: Bossi fa la fronda a Maroni

di G.L.M.

Era il 5 gennaio 1995 e il Segretario provinciale di Milano della Lega Nord, Roberto Verga, faceva circolare una comunicazione interna (prima immagine) che raggiunge le varie segreterie dal Friuli alla Liguria allo scopo di pubblicizzare un evento.  Appuntamento per domenica 8 gennaio quando Roberto Maroni “illustrerà le ragioni che hanno dato vita a una componente interna alla Lega che fa riferimento a lui e alla linea politica da lui tracciata, specificando che tale componente è stata ufficialmente riconosciuta dal segretario federale”.
Lo stesso giorno un controfax (seconda immagine) partì dalla Liga Veneta con cui il segretario organizzativo nazionale, G. Frare Beltrame,  in pratica rispondeva così (sintetizzo): voi siete matti, non sta né in cielo né in terra che una cosa del genere venga chiesta da una segreteria provinciale a una nazionale, noi ci muoviamo se queste richieste ci arrivano dalla Segreteria Federale, altrimenti le gerarchie  interne del movimento vengono sovvertite.

Cosa sia stato dell’appuntamento dell’8 gennaio 1995 non è che sia rimasta grande traccia, così pure della componente interna maroniana e della sua linea politica. Maroni e i suoi, con quella riunione milanese tentarono di organizzare le truppe dopo che Bossi aveva fatto cadere il primo governo Berlusconi e prima del congresso di febbraio, convocato al Palatrussardi. Ma il 12 febbraio 1995, a quel congresso, Maroni fu accolto da pesantissime contestazioni perché ritenuto colpevole di volere un’allenza con Berlusconi, Berluskaiser, piduista, ecc. ecc. Dopo di allora della componente maroniana non si sentì più parlare.

Sono passati 18 anni e le parti oggi si sono invertite: è Umberto Bossi a voler organizzare la fronda a Roberto Maroni, farà la stessa fine?

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

11 Comments

  1. Miki says:

    Io stasera vado a sentire il Leader della Ln a Brugherio,h 21 piazza Giovanni XXIII.
    Di quello che fanno i patrioti Tosiani non mi importa nulla.

  2. G. Frare Beltrame, in pratica rispondeva così (sintetizzo): voi siete matti, non sta né in cielo né in terra che una cosa del genere venga chiesta da una segreteria provinciale a una nazionale, noi ci muoviamo se queste richieste ci arrivano dalla Segreteria Federale, altrimenti le gerarchie interne del movimento vengono sovvertite….

    bella testa … ‘sto Beltrame… signifikativo il lekkakulismo ke, kome si vede, ha origini remote, tra i legaioli ieri bossiani oggi maroniti …

  3. Albert Nextein says:

    1995 lega : un cesso
    2013 lega : una latrina

    • gianluca says:

      Un po’ comodo sparare sentenze così, magari dopo aver partecipato…

      • Albert Nextein says:

        Ho partecipato, ho visto, ho ascoltato, ho votato.
        Ero anche presente all’adunata a Bologna quando Miglio venne applaudito molto di più di quel…di bossi.
        Ricordo anche il nome di un pezzo grosso di allora, un certo Dosi di Parma o Piacenza.
        Mi allarmai subito, quando mi accorsi di non riuscire ad afferrare un qualsivoglia filo logico, un purchessia programma organico da parte di quell’arruffone ignorante di bossi, neppure dopo oltre un’ora e mezzo di conferenza.
        Rimasi affascinato dal Prof.Miglio dopo 30 secondi.
        Egli parlò molto meno di bossi, ma mi aprì molte prospettive.
        Bossi fu, ed è, solo slogan vani e poltrone.
        E ti confermo che dopo le elezioni che portarono nel 93 o 94 al governo berlusca , e dopo aver visto il perfido ed insensato voltagabbana di bosi a Miglio e a berlusca, io non ho più dato il mio voto alla lega.
        Appunto perché
        nel 1995 era diventato un cesso.
        Con la conferma dopo quasi venti anni che nel 2013 è una latrina.
        Mi ha deluso la lega, che per me era Miglio.
        Bossi, nel frattempo, non ha combinato un bel tubo.
        E ha fatto perdere alla gente che si fidava di lui, prima e dopo Miglio, l’unica possibilità di migliorare un poco le cose.
        Non c’era una crisi come nel 2001 e poi nel 2008, berlusca era più giovane, mi pareva fosse almeno un poco liberale, e bossi poteva condizionarlo sol che non avesse sbattuto fuori Miglio.
        Confermo il mio giudizio negativo sulla lega, il suo gruppo dirigente, i suoi presunti programmi.

        • gianluca says:

          Nome e cognome, e codice fiscale!, la prossima volta, prima di dare del babbeo a una persona. Cominciamo da qui, da un termine tutto sommato ancora soft, a mettere un po’ di regole a questi commenti
          glm

          • Albert Nextein says:

            Al posto di babbeo uso semplicione, anche se non calza.
            Calza di più mestatore stolido.
            Nome e cognome.

          • Albert Nextein says:

            Dimenticavo, ho anche finanziato.

            • Veritas says:

              In effetti, piu’ che ttanti termini pesantucci basterebbe una frase molto semplice ma assai significativa di un eccelso Autore del passato per descrivere il comportamento della Lega :
              “Molto rumore per nulla”

Leave a Comment