1866 e il plebiscito truffa: incontro pubblico a Valdobbiadene

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

L’Associazione culturale “VENETO NOSTRO-RAIXE VENETE” organizza un incontro intitolato: “1866 – Custoza, Lissa e il plebiscito truffa: come i Veneti divennero “italiani”, argomento di cui parlerà Ettore Beggiato.

L’appuntamento è previsto a Valdobbiadene (Tv), presso “Palazzo Celestino Piva”, in via Piva, VENERDI’ 29 giugno alle ore 20.30. L’incontro è patrocinato dall’amministrazione comunale.

Il 19 ottobre 1866 il Veneto veniva consegnato dai francesi a tre notabili ‘in una stanza dell’Hotel Europa di Venezia e la Francia rinunciava anche a essere garante internazionale. Ma l’allora presidente del governo italiano, Bettino Ricasoli, “interpreta pro domo sua i trattati”: nel libro sono riportati i documenti per comprendere come. Raccomandazioni e rassicurazioni da parte di alcuni Comuni sono la testimonianza di un risultato sconvolgente: i favorevoli al plebiscito risultarono essere addirittura il 99,9 %, quando, si afferma, gli aventi diritto al voto erano allora il solo 26% della popolazione: “maschi con più di 21 anni”.

A tutto ciò si univa una campagna intimidatoria pro-annessione, in cui la libertà e segretezza di voto si avvalevano di biglietti di colore diverso e una palese dichiarazione del votante a favore o contro. Le conseguenze del vergognoso plebiscito furono rivolte e manifestazioni di protesta verso restrizioni varie imposte dal nuovo Stato italiano: la proibizione di alcune manifestazioni religiose, la leva obbligatoria, la miseria e la povertà per tutto il popolo veneto, spesso costretto a emigrare in cerca di occupazione.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment