Sepolti vivi dalle tasse. Tutte palle che sono calate

Secondo i calcoli effettuati dall’Ufficio studi della CGIA, negli ultimi 6 anni le imposte nazionali e le tasse locali hanno continuato a crescere. Le prime, al netto del bonus Renzi, sono salite del 6,1 per cento, le seconde, invece, dell’8 per cento. Anche se in valore assoluto quelle nazionali (come l’Irpef, l’Iva, l’Ires, etc.) sono aumentate di 21,6 miliardi e quelle locali (Imu, Irap, addizionali comunali e regionali Irpef, etc.) di 7,7 miliardi di euro. In buona sostanza, in questi ultimi 6 anni di grave crisi economica le imprese e le famiglie italiane hanno dovuto sostenere uno sforzo fiscale aggiuntivo di ben 29,3 miliardi di euro (vedi Tab. 1). La composizione del gettito per livello di Governo, però, è rimasta pressoché la stessa. Su un importo totale delle entrate tributarie pari a 483,2 miliardi di euro (anno 2015 al netto del bonus Renzi) il 21,6 per cento è finito nelle casse di Regioni e Comuni (104,4 miliardi di euro), mentre il 78,4 per cento lo ha incassato l’erario (378,8 miliardi di euro).tasse1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispetto a 5 anni prima, la situazione non ha subito grossi cambiamenti. In altre parole, la stragrande maggioranza delle nostre tasse finisce al “centro”, sebbene la gran parte delle spese siano ormai “consumate” in periferia (vedi Tab. 2).

Tra le principali tasse locali, solo l’Irap (-4,2 miliardi pari a una variazione del -13 per cento) ha subito una contrazione abbastanza decisa: tutte le altre, invece, hanno registrato un netto aumento. Tra il 2010 e il 2015 l’addizionale regionale Irpef è aumentata di 3,1 miliardi di euro (+39 per cento). L’anno scorso nelle casse dei governatori sono finiti ben 11,3 miliardi di euro. L’addizionale comunale Irpef è aumentata di 1,4 miliardi (+51 per cento): nel 2015 questa imposta ha garantito ai Sindaci un gettito di ben 4,3 miliardi di euro. Ma l’imposta che ha subito l’incremento più sensibile è stata quella sugli immobili. Se nel 2010 l’Ici consentì ai primi cittadini di incamerare 9,6 miliardi, nel 2015 i Sindaci con l’Imu e la Tasi hanno incassato ben 21,3 miliardi (variazione in termini assoluti pari a +11,6 miliardi che corrispondono ad una variazione del +120 per cento) (vedi Tab. 3).tasse2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Tra il 2000 e il 2015 – sottolinea il coordinatore della CGIA Paolo Zabeo – la tassazione locale è salita del 46 per cento. Questa impennata è stata dovuta al forte decentramento fiscale iniziato 25 anni fa. L’introduzione dell’Ici, poi sostituita dall’Imu e in parte dalla Tasi, dell’Irap, delle addizionali comunali e regionali Irpef, hanno incrementato il gettito delle tasse locali che è servito a coprire i costi delle nuove funzioni e delle nuove competenze che sono state decentrate alle Autonomie locali. Dai primi anni ’90, infatti, le Regioni e i Comuni sono diventati responsabili della gestione di importanti aree funzionali come la sanità, i servizi sociali e il trasporto pubblico locale, senza aver beneficiato di un corrispondente aumento dei trasferimenti dallo Stato centrale. Anzi, la difficoltà nel far quadrare i conti pubblici ha costretto molti esecutivi a ridurre progressivamente i trasferimenti, creando non pochi problemi a molte Autonomie locali che si sono difese innalzando le imposte locali, in particolar modo quelle che nel frattempo sono state introdotte dal legislatore”. E il segretario della CGIA, Renato Mason, sottolinea: “Ricordo, tra le altre cose, che i Paesi federali dell’Unione europea presentano un costo complessivo della macchina pubblica pari alla metà di quello registrato dai Paesi unitari.

Per avvicinarci ai primi siamo convinti che dobbiamo attuare il federalismo fiscale. Solo così saremo in grado di abbassare il carico fiscale sia al centro che in periferia. Infatti, avvicinando i centri di spesa a coloro che usufruiscono direttamente dei servizi, si imporrebbe una maggiore responsabilizzazione dei decisori locali che darebbero sicuramente luogo ad una razionalizzazione della spesa e a una conseguente contrazione del peso fiscale. Per il suo definitivo compimento, però, mancano ancora due tasselli importanti: la piena attuazione dei costi standard nella sanità e negli enti locali. Due misure su cui il Governo dovrebbe accelerarne il compimento, per dare il via libera ad un vero cambiamento che riscriverebbe i rapporti tra il fisco ed i contribuenti”. Dalla CGIA ricordano che ad eccezione della Tari, la legge di Stabilità 2016 ha imposto il blocco a qualsiasi aumento dei tributi locali. Tuttavia, le regioni in disavanzo sanitario, che stanno subendo un piano di rientro imposto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, sono autorizzate a mettere mano all’aliquota Irap e all’addizionale regionale Irpef. Un’ipotesi che speriamo sia scongiurata, visto che la stragrande maggioranza di queste aree geografiche in deficit sono concentrate al Sud.

Print Friendly

Related Posts

2 Comments

  1. giancarlo says:

    E’ di pochi giorni fa il ricevimento delle “NUOVE” bollette del gas e della Luce.
    Mi ritrovo a pagare un 40% del Gas effettivamente consumato e di un 60% tra tasse, balzelli,iva etc…
    inoltre el 60% ci sono due nuove voci:
    -spesa per il trasporto e la gestione el contatore……………euro 47,68
    -spesa per oneri di sistema…………………………………………euro 11,99
    non è finita, sul totale di euro 266,96, ben 235,46 sono di sole imposte…………e euro 31,50 di IVA al 10% e al 22%…..insomma a fronte di euro 105,81 di gas effettivamente consumato mi ritrovo a pagare 266,96 euro.—-
    Faccio presente che sulle precedenti bollette le due voci sopra riportate non le trovo.
    Con la scusa di inviare la nuova bolletta…. le autorità competenti mi sbattono sotto altre tasse occulte.
    Sì occulte, perché ad esempio la gestione del contatore, non esiste dal momento che i consumi sono fatti sulla base di stime e a fine anno mi mandano il conguaglio……insomma fanno e disfanno a loro piacimento ma sempre a scapito o danno dei cittadini. Vi risparmio la risposta dell’ente erogatore alle mie rimostranze perché non ho capito nulla in una risposta complicata e astrusa.
    Come si vede sono segnali ” brutti” lo stato è alla frutta, il debito aumenta e quindi non si trova di meglio che aumentare di continuo le tasse.
    M l’italia e W il Veneto fora e indipendente !!
    WSM

    • caterina says:

      idem di un mio loft vuoto da novembre: 12 euro di consumo luce in tre mesi in lettura automatica, il frigo al minimo lo lascio acceso, 45 e virgola di bolletta!…

Leave a Comment