100mila pensionati in piazza contro il governo. Ma non avevano tolto la Fornero….?!

00000866.jpg

di ANGELO VALENTINO – Houston abbiamo un problema…. Dopo 15 anni scendono in piazza in una manifestazione unitaria i pensionati. Qualcosa come 100mila cittadini. Ma la stampa ne ha parlato poco, il governo direi per niente. Tutti sono presi con la letterina europea e gli scazzi tra Di Maio e Salvini. Beh, allora, la cronaca la ricordiamo noi….

“Dateci retta”: i pensionati tornano in piazza per la manifestazione nazionale indetta da Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp, attaccano il governo che “non fa nulla” per gli anziani ma continua soltanto a tagliare i loro assegni, chiedono “più attenzione” e dicono basta ad essere usati come “bancomat”. “Centomila”, dicono gli stessi organizzatori, in piazza San Giovanni a Roma, da dove è partito il percorso di mobilitazione unitaria di Cgil, Cisl e Uil lo scorso 9 febbraio, con tappe già programmate fino al 22 giugno a Reggio Calabria, per chiedere al governo di cambiare la politica economica e sociale. I pensionati insistono e, in assenza di risposte, chiamano a nuove iniziative, anche provocatorie: lo sciopero dei nonni, se non lo sciopero generale di tutti i lavoratori.
“Meno chiacchiere e meno annunci, più fatti per tutelare davvero le persone”: lo dice la leader della Cisl, Annamaria Furlan, dalla piazza della manifestazione dei pensionati rivolgendosi al governo e parlando anche della lettera “misteriosa” all’Ue. “La certezza oggi è che il Paese è a crescita zero, il tema vero è come si fa a crescere, con quali gli investimenti” evitando il rischio recessione. Dunque “meno risse e più contenuti: pensino davvero agli italiani e non solo ai loro equilibri interni”.

“Dopo un anno di questo governo, i fatti sono drammatici per gli italiani, dopo un anno l’Italia sta peggio: il Paese è fermo, calano le pensioni, il debito pubblico è esploso, lo spread brucia miliardi e il governo è nel caos. La figuraccia di ieri non è degna di un grande Paese come l’Italia e aumenta la sfiducia nel Paese”. Lo dice il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a margine della manifestazione dei pensionati in piazza San Giovanni a Roma, riferendosi al caso della lettera di risposta del governo all’Ue.

“Senza risposte da parte del governo, metteremo in campo una serie di iniziative: dello sciopero dei nonni allo sciopero generale”. Lo dice il segretario generale della Fnp-Cisl, Gigi Bonfanti, dalla manifestazione unitaria dei pensionati. “Lo sciopero dei nonni potrebbe precedere lo sciopero generale: l’idea è che per un giorno i nonni non aiutino le famiglie, per fare in modo che così il Paese capisca il valore economico e sociale degli anziani, di supplenza rispetto ai servizi che mancano”. Per Bonfanti, “da troppo tempo il governo si dimentica dei pensionati. La rivalutazione delle pensioni è l’unico modo per recuperare il potere d’acquisto. Da questa piazza lanciamo uno stimolo alle tre confederazioni perché, se non ci sono risposte, insieme ai lavoratori possano arrivare ad uno sciopero generale: insieme lavoratori e pensionati, giovani e anziani”.

 

A me pare che la questione centrale sia proprio la questione previdenziale del tutto irrisolta. Risolta per certi aspetti per una platea ristretta di lavoratori, e per di più con delle finestre a tempo. Cioè la Fornero torna e tornerà a breve per tutti gli altri. Aprire gli occhi, per favore…

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. giancarlo RODEGHER says:

    Qui in Italia, al contrario di ciò che avviene all’estero siamo arrivati a tagliare le rivalutazioni delle pensioni.
    Cosa indegna di un paese che vuole chiamarsi civile.
    Fico…..tiene in considerazione gli immigrati ed i Rom……ma si dimentica di coloro che lavorando duramente negli anni passati e quindi creato il benessere di cui adesso gode chi sono per lui i pensionati ??????
    Questa gente qui dovrà scomparire dall’orizzonte politico italiota.
    WSM

  2. giancarlo says:

    Non sento mai, nemmeno i sindacati, che qualcuno denunci la tassazione delle pensioni qui in ITALIA.
    Va bene lo sciopero, ma non sentire la cosa più importante di tutte mi sembra veramente una vergogna.
    Le pensioni in Italia sono le più tassate in Europa. Addirittura in Germania rasentano quasi l’esenzione.
    Un mio amico tedesco paga 100 euro all’anno di tasse su una pensione identica alla mia, mentre io pago oltre 60 volte di più. Vi sembrano queste l’italia e l’europa che vogliamo ?
    I partiti così detti tradizionali non hanno mai fatto politiche per avvicinarsi veramente all’Europa. Le famiglie chi sono ? I pensionati chi sono ? i lavoratori chi sono ? e via dicendo. Mentre loro, i politici e specialmente i partiti politici ah!!…. come pensano a loro stessi e ai loro interessi personali. Aumenti di stipendio, esenzioni fiscali, benefits a go-go, vitalizi come ai tempi di Re Sole o dei Re in generale, macchine blu, scorte armate…e lo schifo continua imperterrito. Io non sono giustizialista , ma viva Dio un po’ di etica morale, un po’ di morigeratezza un pizzico di onestà, rubare con moderazione, ….purchè il governare porti a dei risultati e soprattutto a migliorare la vita dei cittadini.
    Al contrario abbiamo assistito a tutto tranne a politiche benevole verso i cittadini, ritenuti sempre dei sudditi o come minimo il famoso POPOLO BUE.
    Sarebbe ora o no che tutti i politici capissero che di questo passo non possono più chiedere fiducia ai cittadini se non in presenza di vere politiche con veri risultati e fatti. ?!!!!
    Ma in definitiva, personalmente, quando potrò finire di criticare tutto e tutti ???
    La perfezione per l’uomo non esiste, ma l’impegno, il darsi da fare, avere il senso della responsabilità……..
    capire i propri limiti e quindi esentarsi dal mettersi in politica a danno degli altri……. bah, chiudo !!!!
    WSM

  3. Walter Zanier says:

    Beh! se lo ha detto Zingaretti e lei lo riporta in pompa magna non ci resta che sorridere. Per parlare male di questo governo basta chiudere gli occhi e scegliere un argomento, ma non questo dai, una persona serie, visto i precedenti e le motivazioni, non dovrebbe neanche iniziare un articolo come questo. Ma siete caduti così in basso?

Leave a Comment