10, 100, 1000 campi nomadi, altrimenti Salvini non ha più un lavoro

di ROBERTO BERNARDELLItromboni

Ve la ricordate l’aggressione in Romagna alla vigilia del voto? Salvini, di campi rom, si nutre politicamente. Senza campi nomadi, quasi quasi perderebbe il lavoro. Così come per Mare Nostrum o il no euro. Senza questi pilastri da stratega e statista, il segretario federale del Carroccio che cosa direbbe? Su cosa fonderebbe la cavalcata delle sue quotidiane proteste? E’ vero, sono argomenti caldi, è ciò che vuole sentirsi dire la gente, ma non si può fare politica solo diventando il megafono dei mercati e delle piazze. Intercettare il malcontento è un conto, fare politica, fuori dai temi della perenne emergenza, è un’altra cosa.

Sulle tasse, ad esempio. Lo abbiamo scritto proprio di recente… Beh, in questo la Lega è maestra di annunci. E non si va oltre. Prendiamo un altro tema. Il federalismo, ad esempio. Sparito dal lessico. O l’indipendenza, rispolverata promettendo convegni primaverili. E poi? Passiamo alla scuola…. Più che sentir dire programmi regionali… selezioni regionali… ma non una parola sullo scandalo del concorso che si è tenuto qui, in Lombardia, per presidi. Con gli asini promossi. Una selezione a dir poco bizzarra, ma zitti e mosca. Ma non era la scuola di casa nostra la priorità del manifesto della prima Lega Lombarda?

Insomma, di sgombero in sgombero invocato davanti ad ogni campo rom, di sciopero fiscale in sciopero fiscale annunciato, minacciato e poi finito in armiamoci e partite, di federalismi in federalismi, con la sola ciofega di un ministero trasferito con un ufficio da Roma a Milano, con le tasse più alte del mondo e i vitalizi ai condannati (siamo sicuri che tutti i parlamentari del Carroccio si siano espressi contro?), che dire…? Avanti così, in tv tutte le sere… Mica scemo il Vaticano quando commenta le sparate quotidiane dell’aspirante sindaco di Milano. Il cardinale Antonio Maria Veglio’, capo dicastero vaticano per i migranti, interpellato dall’ANSA, ha detto… “Cosa vogliamo pretendere daSalvini? Lo fa per scopi elettorali. Sa che quando dice queste cose la percentuale degli amici aumenta”.

Certo, nelle fila degli elettori e dei militanti del Carroccio ci sono quelli che il Vaticano lo brucerebbero. Ma farsi dare dell’approfittatore senza contenuti da un ministro dello Stato più potente del mondo, beh, medaglia al merito. Contento chi se ne vanta.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. pierino says:

    “campo nomadi”. campi che di nomade non han piu nulla. bhe no dai ogni tanto si spostano …. basta chiedere alle fiamme d argento come van i furti in giro

  2. Claudio says:

    SOLUZIONE SEMPLICE E NON POLEMICA AI CAMPI ROM E ALL’INTEGRAZIONE: ogni Italiano o straniero, convinto dell’integrazione “spontanea” tra varie Etnie, dei Diritti Rom, dei Diritti dei Clandestini, dei Diritti di chi occupa abusivamente le case altrui, etc, stipuli un Mutuo a suo nome con il MONTE DEI PASCHI DI SIENA, la Banca alla quale Monti HA REGALATO i 3,9 miliardi di IMU pagata dagli Italiani.

    Chi stipulerà il mutuo dia in garanzia casa sua o una di quelle in proprietà alla sua Famiglia.

    In questo modo contribuirà in modo concreto all’integrazione acquistando a costo zero una casa da intestare ad un Signor Rom o a un Signor Occupatore abusivo o Clandestino; la famiglia in questione ci andrà ad abitare e provvederà a pagare le rate mensili del Mutuo alla Banca.

    Nel caso di insoluti, la Banca metterà all’asta la casa di quello che ha firmato come garante.

    La Sinistra vanta 11 milioni di voti, ovvero 11 Milioni di Cittadini Italiani pronti a sostenere le loro convinzioni; poiche’ in Italia vi sono migliaia di metri quadrati invenduti l’elettore di Sinistra che acquisterà una casa per un amico Rom e garantendo il mutuo con la sua, potrà anche contribuire allo sblocco della crisi edilizia; il che dovrebbe far felice anche i tre ultimi governi targati PD che, da 5 anni, un giorno si e uno pure ci dicono che la crisi è quasi finita, che c’è luce in fondo al tunnel e baggianate simili.

    FINE DEL PROBLEMA Campi Rom. Fatti, non parole, cari Signori Elettori.

    Sotto a questo post potete indicare Nome, Cognome e indirizzo al quale indirizzare il Formulario da Firmare.

    Naturalmente è bandita l’ipocrisia di chi sostiene i Diritti altrui usando il portafoglio degli altri per difenderli o occupa importanti Poltrone, ma è così ignorante da sembrare intelligente !

    • Dan says:

      Il giorno che faranno una cosa di quel tipo vedrai 11 milioni di camice nere in più. Per contro i giardinetti continueranno a restare cagazzati

  3. Dan says:

    Oramai è diventato uno sport: vedere lo sporco per terra, indicarlo, urlargli contro, farci la foto, postarla sul blog o il social e, a scelta, aspettare che qualcun altro lo risolva o costruirci una campagna elettorale sopra, senza però prendere in mano una scopa e rimuovere la causa di tanti problemi.

    Raistoria è un canale tematico pietoso, concentrato solo sul ventennio e ignorante di tutto il resto: dedito solo a far girare a nastro i soliti due o tre documentari dell’istituto luce. Però, a forza di ripetere le stesse cose ogni tanto se ne scoprono di nuove e tra queste la vera origine dei primi fascisti (che per inciso non sapevano neanche di esserlo, perfino il nome è venuto dopo).
    Non c’entravano niente Benito e l’Avanti, anche loro sono venuti dopo.
    I primi, si sono semplicemente trovati ai giardinetti pubblici. Veterani, disoccupati, chi lo sa, forse solo gente cresciuta con un minimo di educazione di una volta che già allora si vede veniva a mancare in famiglia.
    Erano lì, seduti sulle panchine o che passeggiavano, avranno visto che nessuno raccoglieva le foglie cadute, o che qualcuno buttava le cartacce, faceva cagare il cane, cose sostanzialmente banali.
    Cos’hanno fatto ? Si sono messe a puntare il dito contro le foglie che non venivano raccolte ? No, si sono messi a raccoglierle, si sono poi trovati e lì hanno maturato insieme l’idea semplice e rivoluzionaria che il degrado civile e morale si risolve con l’azione.

    Francamente mi fanno ridere i Je suis la solution ed il continuo scambio di fotografie di questo sul balcone o l’altro nel nido dell’aquila. Se si prende atto di un problema in maniera seria allora in maniera altrettanto seria lo si risolve. Facebook è un posto dove non avviene niente di tutto questo.

Leave a Comment