«BERLUSCONI? UN AFFARISTA SENZA SCRUPOLI»

di UMBERTO BOSSI

“Diceva Abramo Lincoln: “Si può ingannare molta gente per poco tempo, e poca gente per molto tempo;mai molta gente per molto tempo” .Spero che la regola valga anche oggi;ma Lincoln viveva in un’epoca felice in cui non esistevano le televisioni e i giornali di Berlusconi. Non voglio fare la vittima:la Lega è nata e cresciuta mentre soffiava impetuoso il vento contrario dell’informazione asservita ai partiti centralisti.Non mi spaventano i giornalisti al soldo del potente di turno. Però bisogna ammettere che non si è mai visto, in Europa ,un concerto così ben orchestrato di trombettieri di regime. Solo in Sudamerica è capitato che tante anomalie fossero al servizio di un affarista senza scrupoli deciso a occupare lo Stato.

Se possibile,vorrei trattare l’argomento senza preconcetti,limitandomi all’analisi dei fatti. In Italia si è attuato da tempo un processo pericoloso di concentrazione delle testate d’informazione giornalistica. C’erano una volta i giornali degli editori puri,che in alcuni casi diventano veri e propri centri di contropotere,e in altri si accodavano alle posizioni dominanti,ma erano comunque una categoria articolata e sostanzialmente pluralista. Oggi a pubblicare grandi giornali e a possedere televisioni nazionali sono quasi esclusivamente grandi gruppi industriali. Sul fronte della stampa,quasi tutti i quotidiano e i settimanali politici nazionali sono divisi tra Fininvest,Fiat e Editoriale la Repubblica. Come dire: Berlusconi Agnelli e De Benedetti. Il primo possiede “Il giornale” , “Epoca” e “Panorama” il secondo “Il Corriere della Sera” e La Stampa ,il terzo “Repubblica” e L'”Espresso”.Esistono ovviamente altri editori ,ma confinati al settore dei quotidiani regionali,come Andrea Riffeser (La Nazione Il Resto del Carlino e Il Tempo) o relativamente marginali rispetto ai grandi gruppi come la Piemmei che pubblica “La Voce”.

Insomma ,la grande maggioranza della stampa politica nazionale fa capo a tre gruppi ,uno dei quali è il capo di un partito ed è riuscito a occupare per mesi la Presidenza del Consiglio. Non si capisce,in questo quadro, come sia possibile che Berlusconi vada addirittura in televisione a fare la vittima,a denunciare l’attacco dei giornali che, “remano quasi tutti contro il governo”.Forse si dimentica di essere l’unico capo partito,in Italia e in Europa,che possieda qualcosa di più di un giornale di partito a tiratura limitata”.

Tratto da libro “Tutta la Verità”, 1995, Sperling & Kupfer

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

8 Comments

  1. IVSTITIA says:

    Presto madre natura ci liberà definitivamente di gran parte di questa mandria di politici 70enni e 80enni mafiosi che siedono in senato e parlamento.
    Dopo, noi nuove generazioni di adolescenti, 20enni e 20enni alle quali le vecchie caste politiche e mafiose hanno riservato solo le briciole, a quel punto saremo finalmente liberi!

  2. lupettoblu says:

    da meridionale, massimo rispetto per le istanze che vengono dalla base leghista… istanze che NON comprendono, attenzione, la cosiddetta indipendenza… che altro non è che l’ennesimo falso obiettivo di chi ha interesse a distogliere l’attenzione dai VERI obiettivi 😉

  3. bortolo says:

    Ma non vi rendete conto che quelli del Pdl stanno scaricando i loro ometti e donnette nella Lega diffondendo notizie su di loro anche attraverso questo giornale? Stanno scaricando quelli che li hanno serviti e gli danno il benservito! chi viene nominato e’ segnato…

  4. Roberto Lamagni says:

    QUELLO ERA IL BOSSSI CHE MI AVEVA FATTO INNAMORARE DELL’IDEALE LEGHISTA.. PURTROPPO I SOLDI QUANDO SONO VERAMENTE TANTI COMPRANO TUTTO E TUTTI.. E QUANDO UN LEADER SI VENDE VENDE CON LUI ANCHE TUTTA LA GENTE CHE HA CREDUTO IN LUI.. ORA E’ TUTTO PIU’ DIFFICILE..

    • renzo76 says:

      Caro Roberto….non sei il solo. E ti ricordi tutte quelle chiacchiere sul rinnovamento, sulla Rai da liberare dai partiti, sul canone da non pagare, tutto per mettere la sua portavoce a fare il direttore…. in Rai!!!!!!

  5. ferruccio says:

    Altri tempi…

    Altra Lega …….

    Ma sopratutto……

    Altri leghisti……

    Adesso in Lega non ci sono i leghisti …….ma…

    I LEGAIOLI ……

    che sono persone molto diverse dai veri Leghisti

    • Paolo54 says:

      Non mi piace tutto il livore nei confronti della Lega, su tante cose avete ragione da vendere, ma io credo che la Lega abbia dentro di sé gli anticorpi per liberarsi della zavorra e tornare finalmente alla sua vera e unica “ragione sociale”.
      Per fare questo c’è bisogno di tutti, dei leghisti veri che sono rimasti in Lega a combattere per un ideale, e anche di quelli che, schifati da cose sporche o espulsi da dirigenti traditori, hanno scelto il disimpegno o un impegno diverso.
      Il sogno indipendentista si realizzerà solo se sapremo ritrovare le ragioni dell’unità!

      • Domenico says:

        Ce ne sono ancora tanti di leghisti veri, ma ormai in procinto di abbandonare per sempre la Lega. Con profondo rammarico per l’occasione, l’impegno ed il tempo perduti. Ma anche con il disgusto per quello che sta accadendo al vertice. Risse tra pretoriani come nel basso impero romano: neanche Dante avrebbe potuto immaginare un contrappasso più beffardo 🙁

Leave a Comment